Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione dell'équipe del Dottor Demitri

CA' FONCELLO, PRIMO INTERVENTO DI CHIRURGIA PELVICA MAGGIORE

Il paziente aveva riportato una grave frattura del bacino


TREVISO - E' stata eseguita, dall’équipe di ortopedia dell’Ospedale Ca’ Foncello, diretta dal dr. Silvio Demitri, la prima stabilizzazione pelvi-vertebrale in un caso di grave lesione traumatica del bacino. Si trattava di un paziente che aveva riportato una grave frattura pelvica, con disgiunzione totale dell’emibacino sinistro staccatosi sia dalla colonna vertebrale sia dall’altra metà bacino. “Si tratta di un tipo di lesione molto grave – spiega il primario - potenzialmente mortale in acuto, con possibili lesioni neurologiche, e invalidante nel lungo termine”.
Grazie all’équipe della neurochirurgia diretta dal prof. Antonio Canova, che ha messo a disposizione gli specialisti dr. Roberto Zanatta e dr. Jacopo del Verme, e all’équipe medica e infermieristica dell’ortopedia-traumatologia del Ca’ Foncello, è stata eseguita in contemporanea la stabilizzazione della metà del bacino fratturata alla colonna vertebrale e all’altra metà del bacino.
 
“In questo tipo di chirurgia – sottolinea il dr. Demitri - risulta fondamentale la collaborazione super-specialistica tra team di diversi dipartimenti. L’intervento di stabilizzazione della lesione, consentirà una più rapida riabilitazione, limitando le inabilità del paziente.
L’Unità Operativa diretta dal dr. Demitri si occupa sia di traumatologia e di esiti fratturativi sia di ortopedia: in questo periodo la traumatologia, attività per la quale l’ospedale Ca’ Foncello di Treviso è hub di riferimento a livello provinciale, rappresenta quasi il 90% dell’attività, mentre per la chirurgia programmata (artroprotesi, artroscopia etc) è prevista un’implementazione per far fronte a una domanda in costante crescita.
“Nei centri ortopedico-traumatologici di riferimento per la traumatologia maggiore (HUB - CTS), per la centralizzazione delle lesioni pelviche, la previsione di attività oscilla tra i 70/100 casi per anno comprendendo le fratture dell'anello pelvico e quelle che interessano l'articolazione dell'acetabolo – spiega il dr. Demitri -. Questi numeri sono congrui per consentire l'addestramento di altri chirurghi ortopedici nella diagnosi e nel trattamento di questo particolare tipo di lesioni traumatiche, in modo da garantire un ulteriore servizio superspecialistico nella Marca Trevigiana.
In questo periodo - conclude il primario - stiamo affrontando in primis gli interventi traumatologici il cui trattamento è stato differito nel periodo Covid, una volta alleggerita la pressione delle liste traumatologiche, spero a breve, verrà aumentata anche la disponibilità per interventi ortopedici elettivi sull'anca, ginocchio e spalla”.