Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dieci milioni di euro, lavori completati entro il 2022

LA STAZIONE FERROVIARIA DI TREVISO CAMBIA VOLTO

Comune e Rfi firmano il protocollo per la riqualificazione


TREVISO - Oggi è una porta d’accesso non all’altezza, diventerà il miglior biglietto da visita della città. La stazione ferroviaria di Treviso cambia volto. Dopo due anni di confronti e riunioni, Comune e Rfi, la società che gestisce le infrastrutture ferroviarie italiane, hanno firmato il protocollo per la riqualificazione dell’intero compendio dello scalo. Non un protocollo destinato a rimanere nel cassetto, avverte il sindaco Mario Conte apponendo la firma insieme a Sara Vincenzoni, direttore Stazioni di Rfi, ma un vero contratto operativo destinato a segnare il futuro di un intero quadrante cittadino. Dieci milioni di investimento, 7,1 dall’azienda, 2,2 dall’amministrazione municipale, più le tasse, i lavori partiranno entro metà 2021 per concludersi, secondo previsioni, nel 2022. Verrà dunque restaurato l’edificio principale e la zona delle banchine sui binari, ripensando parte degli ambienti interni per attività commerciali, servizi a favore dei viaggiatori, ma anche esposizioni di prodotti tipici da comprare on line o persino la possibilità di un ambulatorio di quartiere. Ma l’intervento maggiore sarà l’area antistante: verrà ampliata la zona pedonale, eliminando la corsia per le auto (che potranno fermarsi nell’attuale ricovero per le biciclette), ricavando una piccola piazzetta e aumentando il verde. Risistemato il sottopasso pedonale, con nuove tettoie per gli accessi e ascensori, creato un limite di 30 km/h nel tratto di strada di fronte, riposizionate le fermate degli autobus e dei taxi. Fiore all’occhiello, la velostazione: uno spazio interno per la custodia e il noleggio delle biciclette.
Una rivoluzione all’insegna dell'intermodalità, cioè la connessione tra più forme di trasporto, ha definito il progetto il vicesindaco Andrea De Checchi, che ha la delega alla mobilità
Inserito in un piano nazionale di Rfi da 3 miliardi e mezzo di euro per 600 sedi, l'intervento punta a saldare la stazione al resto del tessuto urbano del centro. Sistemata la parte rivolta verso il centro, ci si concentrerà anche sul lato opposto, quello che si affaccia sul quartiere di San Zeno.