Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato dai Carabinieri un 63enne di Asolo

AVEVA NASCOSTO NELLA LEGNAIA UN AUTENTICO ARSENALE

Scoperto dal Ris di Parma grazie alle impronte


TREVISO - Arrestato dai Carabinieri di Castelfranco ed Asolo Giovanni Tittoto, 63 anni: è accusato di detenzione di armi da lancio, parte di arma da guerra e vario munizionamento. I militari hanno scoperto che l'uomo aveva nascosto nella legnaia di una vicina di casa, ad Asolo, un autentico arsenale composto da 136 proiettili per Kalashnikov, due bombe a mano integre, una settantina di proiettili calibro 9 e un caricatore per il mitra. E' stato scoperto grazie alle tracce del Dna che i Ris di Parma hanno trovato su quel materiale rinvenuto mesi fa casualmente dalla figlia della padrona della legnaia. In una borsa di plastica, facendo pulizie, la signora aveva trovato una bomba a mano.