Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Coronavirus in Veneto, "stabilire una soglia"

RIGOLI: "CHI HA CARICA VIRALE BASSA, SIA CONSIDERATO NEGATIVO"

La richiesta del microbiologo per evitare inutili quarantene


TREVISO - "Le persone positive al Coronavirus con una carica virale molto bassa, dovrebbero essere considerate negative". Questa la proposta di Roberto Rigoli, direttore del centro di Microbiologia di Treviso e coordinatore dei 14 centri del Veneto, che auspica che il Ministro della Salute segua questa linea, indicando una soglia sotto la quale considerare le persone negative al virus, escludendole così dall'isolamento di 14 giorni.
Rigoli, sostenendo che questa idea sarebbe condivisa da diversi microbiologici, immagina che molti di coloro oggi in quarantena potrebbero non entrarci, perchè non sarebbero considerati contagiosi. Questo anche sulla base di uno studio fatto tra 1.422 positivi nella provincia trevigiana, Marca: nel 53% dei casi sono stati fatti 26 cicli di amplificazione per trovare il visus, nel 49,58% dei casi la positività è stata trovata tra i 26 e i 35 cicli; nel 3,31% dei casi si sono superati i 35 cicli.
Ciò significa che vengono poste in isolamento persone risultate positive e con carica virale bassissima, oltre ai loro familiari e contatti più stretti. Inoltre in molti casi vengono evidenziati solo dei pezzetti di virus, che di fatto non si replicano" - continua Rigoli - quindi non ha senso isolare queste persone per 14 giorni e poi sottoporre a tampone tutti i loro contatti più stretti. Così si bloccano le famiglie e le loro attività".