Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dati sui redditi nella Marca del Caaf Cgil

DONNE E GIOVANI TREVIGIANI GUADAGNANO MENO

Gap del 40% tra contribuenti maschi e femmine


TREVISO -
Gap salariale tra uomini e donne del 40%, redditi dei pensionati più alti rispetto alla media del Veneto, divario di oltre 7mila euro tra giovani e over 30. È un ritratto tra luci e ombre, quello della situazione reddituale dei trevigiani che emerge dai modelli 730 degli oltre 58.000 contribuenti che si sono avvalsi dell’assistenza del CAAF CGIL di Treviso.
Sulla base dei dati raccolti in questa tornata 2020 di dichiarazioni, il centro di assistenza fiscale del sindacato scatta una fotografia della situazione reddituale nella Marca nell’anno d’imposta 2019. A emergere, confermando il dato regionale, il fenomeno del gap salariale tra uomini e donne (stimato al 40%). Un divario preoccupante che nella provincia di Treviso vede il reddito medio degli uomini, pari a 24.048 euro, superare quello delle donne di quasi 10.000 euro. Si ferma, infatti, a 14.216 euro il reddito medio delle trevigiane nel 2019.
Una forbice, questa, meno ampia, ma sempre marcata, se riferita al solo campione dei lavoratori, laddove la differenza salariale tra i generi si attesta a quasi 8.000 euro, con gli uomini che dichiarano mediamente 26.086 euro e le colleghe donne ferme a 18.217. Medesima la situazione rilevabile tra i pensionati, con il reddito medio degli uomini pari a 22.205 e quello delle donne che si attesta a soli 14.353 euro.
Diverso, invece, il quadro reddituale dei percettori di pensione comparato alle cifre regionali, con i trevigiani preceduti solo da veneziani e vicentini, e le pensionate della Marca a ritirare in media il cedolino più pesante in Veneto, davanti a bellunesi e veronesi.
In linea con i dati regionali, sempre sulla base delle elaborazioni del CAAF CGIL, il dettaglio della distribuzione reddituale per fasce d’età, che vede il valore medio relativo agli over 65, tra uomini e donne, attestarsi a quota 17.505 euro, mentre nella forbice tra i 31 e i 65 anni il reddito sale a 22.442 euro. Critico il quadro dei giovani under 30 trevigiani, con un reddito medio rilevato di appena 15.315 euro.
Numeri che trovano riscontro nei dati di ben 68.195 dichiarazioni presentate nel corso dell’ultima campagna fiscale nelle 17 sedi della Marca del Centro di Assistenza Fiscale della CGIL. Una cifra, quella delle pratiche per il Modello 730, che nel 2020 conferma il trend positivo dell’ultimo triennio (+529 rispetto all’anno precedente e +786 rispetto al 2018), toccando quota 58.038 dichiaranti. Stabile, se comparata allo scorso anno, la platea degli assistiti del CAAF CGIL nel capoluogo (8.298, contro 8.197 del 2019). A registrare i maggiori incrementi è il territorio provinciale con 4.555 dichiarazioni presentate dai residenti di Roncade (+445), 6.789 modelli 730 riferiti ai contribuenti di Conegliano (+339), mentre si attestano a 4.989 le dichiarazioni dei montebellunesi (+297).
"I dati elaborati sulla base dei modelli 730/2020 – afferma Monica Giomo, Amministratrice Delegata del CAAF CGIL di Treviso – evidenziano quanto il lavoro povero e la precarietà incidano sulla situazione reddituale di donne e giovani: fenomeni molto presenti anche nella Marca e denunciati da tempo dal Sindacato. Il quadro è preoccupante, dal momento che la rilevazione effettuata si riferisce all’anno d’imposta 2019, dunque antecedente all’emergenza sanitaria e all’attuale congiuntura economica. Attendiamo, comunque, il termine ultimo per la presentazione del Modello Redditi PF al 30 novembre, così da tirare le somme definitive e verificare se e come questi trend si consolideranno".