Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il 28% degli addetti dichiara meno di 15mila euro annui lordi

PER I METALMECCANICI REDDITI PIÙ BASSI DI ALTRE CATEGORIE

Analisi della Fim Cisl Treviso Belluno sui 730


TREVISO - I metalmeccanici della Marca sono un po’ più poveri rispetto ad altre categorie dei lavoratori. Lo confermano i dati sui redditi elaborati per conto dalla Fim Treviso Belluno, la sigla del settore della Cisl, su 33mila modelli 730 presentati quest’anno al Caf del sindacato.
Il 28% delle tute blu, infatti, dichiara non più di 15mila euro lordi all'anno. E di queste, il 45% si ferma ad 8mila euro. Una percentuale, come spiega Alessio Lovisotto, segretario generale della Fim Treviso Belluno, su cui influiscono i part-time e le recenti nuove assunzioni (dunque ancora senza dodici mesi completi di lavoro), ma che comunque risulta superiore al 22% della media della platea complessiva dei dipendenti.
La maggioranza degli addetti del comparto, circa la metà del totale, comunque, si colloca nella fascia di reddito medio, tra 15mila e 28mila euro lordi. In linea con la percentuale (52%) la platea complessiva del campione. E ci sono anche 124 metalmeccanici, il 2%, che dichiarano da 55mila euro annui in su. Con ogni probabilità tecnici, ingegneri o amministrativi a capo di unità produttive o progetti speciali.
E la presenza del sindacato, in genere sinonimo di contrattazione di secondo livello, porta dei benefici anche in busta paga: gli iscritti alla categoria, infatti, in media dichiarano redditi superiori di mille euro nella fascia media.
Nella Marca, si contano circa 1.100 aziende metalmeccaniche per 34mila addetti.
Aldi là di alcune vertenze principali, come Berco, Electrolux, Permasteelisa, l’attenzione è concentrata sul contratto collettivo di lavoro, scaduto il 31 dicembre scorso. Le trattative per il rinnovo si sono arenate proprio sugli adeguamenti economici e i sindacati hanno proclamato 4 ore di sciopero il prossimo 5 novembre.