Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/337: L'INGLESE MCGOWAN RE DEL 77° OPEN D'ITALIA

Migliore degli azzurri il vicentino Guido Migliozzi


POZZOLENGO - Giunge alla 77esima edizione l'Open d'Italia, massima rassegna del golf tricolore, nonché una delle più antiche dell’European Tour. Si gioca a porte chiuse allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo, splendido percorso che si estende attorno ad...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Interrogazione in commissione Finanze per spronare il governo

RAFFAELE BARATTO: "RAFFORZIAMO LA SANITÀ DI PROSSIMITÀ CON I SOLDI DEL MES"

Il deputato trevigiano invita ad accedere alle risorse europee


TREVISO - Raffaele Baratto, deputato trevigiano di Forza Italia, ha presentato una  risoluzione alla Commissione Finanza della Camera. Un messaggio chiaro, quello lanciato dal parlamentare con la sua richiesta: si faccia subito ricorso al Mes.
“I dati di questi giorni - riflette Baratto - disegnano un quadro allarmante e segnalano una vasta impreparazione. Sono stati sprecati mesi cruciali” denuncia l’onorevole trevigiano rivolto al Governo".
“Sembra che temi come quello dei trasporti o dei tamponi siamo stati messi nel cassetto durante le vacanze estive. Era responsabilità del Governo mettere in campo un piano preciso. La seconda ondata era ampiamente prevista e ora ci troviamo nuovamente a parlare di un lockdown che avrebbe effetti tragici”, rimarca il deputato trevigiano. Che continua: “Il Veneto, in questo senso, sotto il profilo sanitario è una mosca bianca ha reagito meglio di altre regioni e continua ad avere tassi di contagio meno intenso. Ma nel resto d’Italia la situazione rischia di sfuggire di mano".
Per questo l'esponente forzista sollecita l'esecutivo ad accedere alle risorse messe a disposizione dal "Meccanismo europeo di stabilità": "Basta esitazioni: è stato chiarito che quei 36 miliardi sono senza condizionalità e servono immediatamente.”
“Dobbiamo conclude Baratto - potenziare nel giro di settimane il sistema di contact tracing, ancora troppo debole, rafforzare gli uffici epidemiologici delle Aziende Sanitarie che debbono materialmente compiere le ricerche e gli avvisi e tornare ad investire sulla sanità di prossimità, rafforzando la rete della medicina di base, che deve tornare ad essere il primo punto di contatto per i cittadini. Il Governo agisca subito, il consenso c’è, ora servono delle decisioni".