Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

GASTROENTEROLOGIA DI CONEGLIANO, UTILIZZATE LE PRIME PROTESI DEGRADABILI

Una tecnica innovativa che evita l'intervento di rimozione


CONEGLIANO - Avviato, nell’Unità Operativa di Gastroenterologia dell’Ospedale di Conegliano, l’impianto di protesi degradabili per il trattamento di stenosi biliari benigne e o per la prevenzione della pancreatite.
“Abbiamo eseguito – spiega il primario, dr Alberto Tringali - i primi trattamenti con la nuova tecnica, utilizzata solo in pochi centri italiani, che consente di posizionare protesi riassorbibili, che evitano il ricorso a ulteriori procedure endoscopiche per la rimozione. Per alcuni pazienti “fragili” con pluripatologie, sottoporsi a una nuova procedura endoscopica rappresenta un rischio. Con l’ausilio di queste protesi di plastica che si degradano spontaneamente si evita non solo una nuova procedura al paziente ma anche i costi aggiuntivi della seconda procedura – continua il primario -.
Questo dispositivo è sicuro ed efficace. La tecnica di posizionamento è identica alle protesi non riassorbibili ma con i vantaggi descritti senza che questa costituisca un rischio.
Le protesi biodegradabili – sottolinea il dr Tringali – permettono quindi a tutti i pazienti con un restringimento del dotto biliare o che necessitano di una prevenzione per il rischio di andare incontro a una complicanza correlata ala procedura (pancreatite) di evitare di essere sottoposti a una seconda procedura – spiega Tringali -. Tali protesi sono state testate su 38 pazienti in un recente studio e si sono dimostrate sicure ed efficaci”.
L’utilizzo di questa nuova metodica pone la Gastroenterologia di Conegliano fra le strutture di endoscopia all’avanguardia e polo di riferimento per l’endoscopia bilio-pancreatica interventistica.
“Molti pazienti potranno quindi usufruire di questa nuova tecnica all’ospedale di Conegliano – conclude il primario – considerando che i nuovi dispositivi ridurranno la necessità di procedure endoscopiche e miglioreranno l’accettabilità della procedura. In futuro potrebbero rendersi disponibili anche protesi metalliche degradabili che aumenteranno la possibilità di trattamento anche per altri pazienti che necessitavano di molteplici procedure per poter risolvere il problema”.