Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

GASTROENTEROLOGIA DI CONEGLIANO, UTILIZZATE LE PRIME PROTESI DEGRADABILI

Una tecnica innovativa che evita l'intervento di rimozione


CONEGLIANO - Avviato, nell’Unità Operativa di Gastroenterologia dell’Ospedale di Conegliano, l’impianto di protesi degradabili per il trattamento di stenosi biliari benigne e o per la prevenzione della pancreatite.
“Abbiamo eseguito – spiega il primario, dr Alberto Tringali - i primi trattamenti con la nuova tecnica, utilizzata solo in pochi centri italiani, che consente di posizionare protesi riassorbibili, che evitano il ricorso a ulteriori procedure endoscopiche per la rimozione. Per alcuni pazienti “fragili” con pluripatologie, sottoporsi a una nuova procedura endoscopica rappresenta un rischio. Con l’ausilio di queste protesi di plastica che si degradano spontaneamente si evita non solo una nuova procedura al paziente ma anche i costi aggiuntivi della seconda procedura – continua il primario -.
Questo dispositivo è sicuro ed efficace. La tecnica di posizionamento è identica alle protesi non riassorbibili ma con i vantaggi descritti senza che questa costituisca un rischio.
Le protesi biodegradabili – sottolinea il dr Tringali – permettono quindi a tutti i pazienti con un restringimento del dotto biliare o che necessitano di una prevenzione per il rischio di andare incontro a una complicanza correlata ala procedura (pancreatite) di evitare di essere sottoposti a una seconda procedura – spiega Tringali -. Tali protesi sono state testate su 38 pazienti in un recente studio e si sono dimostrate sicure ed efficaci”.
L’utilizzo di questa nuova metodica pone la Gastroenterologia di Conegliano fra le strutture di endoscopia all’avanguardia e polo di riferimento per l’endoscopia bilio-pancreatica interventistica.
“Molti pazienti potranno quindi usufruire di questa nuova tecnica all’ospedale di Conegliano – conclude il primario – considerando che i nuovi dispositivi ridurranno la necessità di procedure endoscopiche e miglioreranno l’accettabilità della procedura. In futuro potrebbero rendersi disponibili anche protesi metalliche degradabili che aumenteranno la possibilità di trattamento anche per altri pazienti che necessitavano di molteplici procedure per poter risolvere il problema”.