Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
SETTIMANA CON TANTI PROTAGONISTI ITALIANI, IN EUROPA E IN AMERICA

o Scottish Open, il Marathon LPGA Classic, il Challenge Tour, il Symetra Tour


Francesco Molinari, e altri sette azzurri sono a North Berwick, per il secondo torneo 2021 della Serie Rolex, l’Aberdeen Scottish Open.A far compagnia a Francesco ci sono Guido Migliozzi, Edoardo Molinari, Francesco Laporta, Renato Paratore, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli e Andrea Pavan. Questi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'associazione chiede indennizzi per tutte le imprese della ristorazione

"CIG ANCHE PER I LAVORATORI ASSUNTI DOPO IL 13 LUGLIO"

La richiesta della Cna Treviso dopo il Decreto Ristori


TREVISO - «Estendere la cassa integrazione Covid-19 anche ai lavoratori assunti dopo il 13 luglio 2020 e includere negli indennizzi anche le imprese che svolgono l’attività senza somministrazione, in pratica tutto l’artigianato della ristorazione, e altre filiere penalizzate». Lo chiede la Cna territoriale di Treviso, dopo aver analizzato le nuove misure contenute nel Decreto Ristori.
«Apprezziamo la rapidità con cui il Governo ha varato il decreto con le misure a sostegno delle categorie colpite dalle nuove chiusure decise con il Dpcm di domenica ma la cassa integrazione Covid va estesa anche ai lavoratori assunti dopo il 13 luglio – commenta Mattia Panazzolo, direttore di Cna territoriale di Treviso -. Molte aziende, tante anche nel settore della ristorazione, grazie alla ripresa estiva, avevano assunto personale e ora si trovano senza la possibilità di mettere in cig i dipendenti a fronte di un calo di lavoro che si prospetta forte nei prossimi mesi, soprattutto per chi è stato costretto a chiudere, come le palestre, le piscine, i centri benessere, i cinema, i teatri, o è stato colpito da misure restrittive, come tutto il settore della ristorazione. Inoltre confidiamo che sia stata solo una svista, e che venga sanata in breve, aver escluso dagli indennizzi le imprese che svolgono l’attività senza somministrazione, in pratica tutto l’artigianato della ristorazione: pizzerie a taglio, gastronomie, rosticcerie, piadinerie, gelaterie, che non sono ammesse ai contributi nonostante stiano accusando da tempo vistosi cali di fatturato. Vanno incluse negli aiuti inoltre le attività delle filiere artigiane che sono state le più colpite dalla pandemia e ulteriormente penalizzate dalle restrizioni per contenere il virus: bus turistici, tintolavenderie, fotografi. Il loro disagio non può essere ignorato».
Cna Treviso ha preso posizione fin da subito contro lockdown integrali e semi-integrali per non dare un’altra mazzata all’economia del territorio, chiedendo di mettere in campo attività più efficaci ed estese di tracciamento dei positivi e rendere operativi gli strumenti di contact tracing di cui il Paese si è dotato (app Immuni).
Chiede soprattutto la necessaria concordia istituzionale per affrontare al meglio il difficile momento che la nazione sta vivendo e misure forti a sostegno del sistema produttivo e dei lavoratori, soprattutto delle fasce più deboli.
«Il fatto che anche paesi come Francia e Germania abbiano annunciato nuovi lockdown non assolve certo le nostre istituzioni, Governo e Regioni, dai ritardi con cui si sono mosse per la gestione della seconda ondata ma ci conferma la virulenza della pandemia, per far fronte alla quale vanno trovate soluzioni anche a livello europeo e globale» conclude Panazzolo.