Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dpcm in vigore da domani, coprifuoco alle 22

COVID, VENETO IN AREA GIALLA

Regione "promossa", ma non si abbassa la guardia


TREVISO - Dopo una giornata col fiato sospeso nei locali, in attesa di capire in quale fascia si posizionava il Veneto, finalmente gli esercenti tirano un sospiro di sollievo. Bar e ristoranti resteranno aperti fino alle 18.
Il Veneto è in zona gialla, lo ha annunciato il Presidente del Consiglio ieri sera nella diretta stampa di presentazione del nuovo Dpcm. Regioni divise per colori, secondo le fasce di rischio dei contagi ma per tutti da domani parte il coprifuoco alle 22, fino alle 5 del mattino. Il nuovo Dpcm anti-Covid entrerà in vigore fino al 3 dicembre. La raccomandazione è quella di evitare contatti e spostamenti se non per motivi di salute, di lavoro o per necessità.
I centri commerciali saranno chiusi nei giorni festivi e prefestivi, ad eccezione delle farmacie e parafarmacie al loro interno, così come i tabaccai, i negozi di alimentari e le edicole. Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e per i laboratori. Chiusura delle università, salvo alcune attività per le matricole. Confusione quindi tra gli studenti che non hanno i piani di studio divisi in annate.
Vi sarà la riduzione al 50% della capienza dei mezzi di trasporto, la sospensione delle attività di sale gioco e scommesse.
Per i ristoratori sarà consentita l’attività di asporto fino alle 22 e per la consegna a domicilio non ci saranno restrizioni: sarà quindi possibile ordinare la cena a domicilio come durante il primo lockdown.
Restano chiuse le palestre e le piscine, così come i cinema e i teatri.
Tra le attività aperte vi sono invece parrucchieri, estetiste e le librerie, oltre a tutti i negozi di commercio al dettaglio e servizio alla persona. Rientrando nella fascia gialla, i veneti potranno continuare a spostarsi liberamente tra comuni e province diverse da quella di residenza. Permesso anche raggiungere un’altra regione purché anch’essa inserita in fascia gialla.
Sono 21 gli indicatori che decidono la collocazione delle regioni in fasce gialla, arancione e rossa: dall’occupazione dei posti letto in terapia intensiva alla capacità di fare il tracciamento, dalla diffusione del virus alla rapidità nel fare i tamponi.
Due le “colonne” che stanno dietro a tali criteri: il primo è la “classificazione complessiva del rischio“, che ora nelle diverse Regioni italiane è alto oppure moderato; il secondo è lo “scenario“, basato soprattutto sull’Rt, e ha un livello tra l’1 e il 4.