Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

12 novembre 2019, l'inizio della crisi

"ACQUA GRANDA" A VENEZIA, UN ANNO DALL'INCUBO

Il grido di allarme dei commercianti: "la cittā sta morendo"


VENEZIA - Ricorre oggi l’anniversario dall'acqua alta eccezionale di 187 centimetri che mise in ginocchio Venezia. La città lagunare è sempre più isolata, più spenta. Si anima un po’ nel fine settimana, ma con i musei chiusi, e il coprifuoco, si svuota in fretta. Non ci sono i turisti, gli studenti, i lavoratori del comparto cultura e spettacolo. Le difficoltà sono iniziate proprio il 12 novembre 2019, un anno fa, con l’Acqua Granda. Poi è giunto il Covid 19 a demolire l’economia di Venezia. Da San Marco a Rialto, fino a Cannaregio, sono tanti i negozi chiusi. Lo stesso vale per i locali, i bar e i ristoranti. Numerosi i cartelli di "cedesi attività". In un città che vive prevalentemente di turismo, molti si sono fermati e altri si stanno fermando a causa dell'emergenza sanitaria che ha inferto un colpo durissimo. Gondolieri, commercianti, ristoratori e albergatori sono alla resa. Con i bar e i ristoranti chiusi alle 18, è impossibile fare turismo. L'eccezionale acqua alta di un anno fa ha messo in ginocchio tutti, poi il Covid, il lockdown, i Dpcm. Gli affitti in città sono alti e le spese diventano insostenibili anche per i locali più forti. Le attività si stanno sgretolando e Venezia sta morendo. 


Galleria fotograficaGalleria fotografica