Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Negozi chiusi alla domenica, centri commerciali anche al sabato

IN VENETO STOP ALLE PASSEGGIATE IN CENTRO CITTA'

Zaia firma l'ordinanza anti assembramenti


VENEZIA - In vigore da venerdì 13 novembre, fino al 3 dicembre la nuova ordinanza del governatore del Veneto, secondo la quale non sarà permesso passeggiare nelle strade e nelle piazze dei centri storici delle città e nelle aree affollate.
"Niente 'vasche in centro' - ha spiegato Zaia - niente 'struscio', e niente assembramenti. Non si può affollare il lungomare, né frequentare luoghi pieni di gente". Il governatore ha ripetuto ancora una volta il necessario e obbligatorio utilizzo della mascherina, da usare sempre in luoghi pubblici e anche in casa qualora entrassero persone non conviventi.
Consigliata l’attività motoria e le passeggiate presso parchi pubblici, aree verdi rurali e periferiche. Nel dubbio di possibili assembramenti, "si resta a casa" – ha detto il presidente del Veneto.

Nei giorni prefestivi l'ordinanza prevede che siano chiuse le grandi e medie strutture di vendita, sia a esercizio unico che con più negozi, compresi i parchi commerciali (outlet). Restano aperti solo gli alimentari, farmacie e parafarmacie, tabaccherie ed edicole. Nei giorni festivi è vietato ogni tipo di vendita, anche dei negozi di vicinato, ad eccezione delle medesime categorie e degli alimentari. Nei negozi può entrare una persona per nucleo familiare, salvo per accompagnare soggetti con difficoltà o minori di 14 anni.
Nei centri commerciali e nei supermercati l'ordinanza indica di favorire l'accesso degli anziani oltre i 65 anni nelle prime due ore di apertura.

Il mercato all'aperto è vietato se non nei Comuni in cui i sindaci abbiano approntato un piano che preveda la perimetrazione dell'area all'aperto, un unico varco di accesso e uno di uscita, ci sia una sorveglianza che verifichi le distanze, l'assembramento e il controllo dell'accesso.
Nelle competizioni sportive che si svolgono in Veneto, gli sportivi e tutti gli accompagnatori possono accedere se in possesso di una certificazione di aver svolto il test in un periodo di tempo non anteriore a 72 ore prima della gara.
Zaia ha raccomandato il rispetto delle distanze interpersonali di almeno un metro, ha sospeso le lezioni di educazione fisica, canto e strumenti a fiato nelle scuole di primo ciclo.
Cibo d’asporto, gelati e bibite, saranno consumati in auto e a casa, non fuori dalle attività di ristorazione. Tra le ulteriori misure vi è la rimodulazione del trasporto pubblico locale. Saranno assicurati i servizi minimi di trasporto pubblico su rotaia, gomma e acqua in quanto i mezzi avranno la capienza massima del 50%. Ridotta la capienza, saranno ridotti i servizi e i costi.
Il Governatore ha voluto ricordare i 54 mila dipendenti che stanno lavorando duramente per curare i pazienti Covid, facendo appello al buon senso e al rispetto reciproco, e sottolineando l’importanza della prevenzione.
I locali, come da Dpcm del Governo, saranno chiusi alle 18 e il coprifuoco resterà attivo dalle 22. La richiesta di Zaia è molto chiara: "Non andare in mezzo alla confusione - ha richiesto - fate questo sacrificio per 2 weekend perché in questo momento abbiamo 2mila persone ricoverate".