Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'esplosione davanti al supermecato in centro a Treviso

BOMBA AL PAM, ARRESTATO UN 56ENNE BELLUNESE

Avrebbe agito per vendicarsi contro il market


TREVISO - E’ un 56enne di origini bellunesi e avrebbe agito per vendetta. E’ stato arrestato l’uomo che la sera di domenica 8 novembre ha fatto esplodere una bomba carta davanti al supermercato Pam di via Zorzetto, in pieno centro a Treviso. Gli inquirenti sono risaliti a lui, in particolare grazie all’analisi delle immagini di videosorveglianza della zona. La deflagrazione aveva causato diversi danni alla vetrata del market, ma non aveva causato feriti. Un caso davvero fortunato, perché, secondo quanto stabilito dalle indagini, l’ordigno era ad alto potenziale e avrebbe potuto uccidere chi si fosse trovato nei paraggi: per questo al 56enne verrà contestato anche il reato di tentata strage.
L’attentato non sarebbe stato spinto da moventi politici o ideologici, bensì da una sorta di odio personale nei confronti dell’esercizio commerciale: l’uomo era stato più volte denunciato per una serie di furti nel punto vendita e, per questo, aveva scontato anche un periodo di detenzione. Avrebbe così voluto vendicarsi.

IL PLAUSO DI ZAIA ALLE FORZE DELL'ORDINE

“Complimenti alle forze dell’ordine, che hanno risolto in tempi brevi un caso che aveva creato apprensione tra i cittadini, tra l’altro in un momento del tutto particolare come quello che stiamo vivendo”. E’ questo il commento del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in relazione all’arresto, effettuato dai Carabinieri e della Polizia, del responsabile dell’esplosione di un ordigno l'8 novembre scorso contro un supermercato del centro di Treviso.

“Aver assicurato il responsabile alla giustizia – aggiunge Zaia – è un successo che va oltre l’operazione d’indagine in sé stessa, perché riporta serenità tra i residenti e chiarisce aldilà di ogni dubbio le motivazioni del gesto criminoso. In questo momento, in cui sono già forti le preoccupazioni per l’epidemia di Covid 19 – conclude il Governatore – la gente non ha certo bisogno di ulteriori e diversi motivi di tensione”.