Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Coinvolti in massima parte gli impiegati, cig fino a marzo

PERMASTEELISA, ANNUNCIATI 150 ESUBERI A VITTORIO VENETO

Crisi del settore facciate e pandemia pesano sull'azienda


VITTORIO VENETO - La crisi globale colpisce uno dei gioielli dell'industria trevigiana. Permasteelisa, multinazionale con sede a Vittorio Veneto, specializzata in rivestimenti architettonici per grandi edifici, annuncia oltre 150 esuberi sui 700 dipendenti del suo quartier generale trevigiano. A rischiare il posto sono in stragrande maggioranza gli impiegati: 131.
Il piano di ristrutturazione è stato comunicato mercoledì durante un incotro tra i vertici dell'azienda e i sindacati. Negli ultimi mesi, tra i lavoratori si erano intensificati i timori, in particolare dopo il passaggio della proprietà, avvenuto in primavera, dai giapponesi di Lixil al gruppo americano Atlas. "Senza un confronto che tracci percorsi industriali e di tutela per i lavoratori non ci sarà nessuna mediazione", affermano seccamente Enrico Botter e Alessio Lovisotto, rispettivamente segretari generali di Fiom Cgil e Fim Cisl.
La società vittoriese ha chiuso gli ultimi bilanci in perdita e ora dovrà affrontare l'impatto della pandemia sul comparto: "Permasteelisa S.p.A sta attraversando una situazione complessa e difficile - spiega una nota dell'azienda -, legata all’evoluzione del settoredelle costruzioni nei mercati di riferimento (UK, Francia, USA e Italia), che ha subito rallentamenti negliultimi anni causati dalla situazione di incertezza globale, su cui pesano sia fattori economici e geopolitici, siapiù recenti fattori legati all’attuale pandemia da Covid-19".
Proprio per far fronte a questa situazione generale, la riorganizzazione del personale si inserisce in una strategia di riposizionamento, lasciando il comparto delle facciate "generiche", per concentrarsi su quelle personalizzate e ad alte prestazioni, cosiddette "bespoke", tradizionale mercato di riferimento, seppur in contrazione negli ultimi anni, in cui Permasteelisa punta a riguadagnare competitività.
Le attuali normative vietano i licenziamenti. I sindacati si dicono dispositi a confrontarsi sulle nuove strategie, ma si oppongono fin da subito a tagli all'occupazione. “Lunedì saranno convocate le assemblee dei lavoratori – aggiungono Botter e Lovisotto –, consapevoli che in questa fase eccezionale la normativa ha formalmente bloccato i licenziamenti di natura economica mettendo a disposizione di lavoratori e imprese la cassa integrazione Covid almeno fino a marzo del prossimo anno. Per quanto ci riguarda si parte da qui, non ci sono mediazioni possibili su questi punti. Ma, allo stesso tempo, siamo consapevoli della situazione di difficoltà e non vogliamo sottrarci al confronto con l’azienda per provare a costruire da subito percorsi a tutela dei lavoratori dello stabilimento di Vittorio Veneto”.