Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Coinvolti in massima parte gli impiegati, cig fino a marzo

PERMASTEELISA, ANNUNCIATI 150 ESUBERI A VITTORIO VENETO

Crisi del settore facciate e pandemia pesano sull'azienda


VITTORIO VENETO - La crisi globale colpisce uno dei gioielli dell'industria trevigiana. Permasteelisa, multinazionale con sede a Vittorio Veneto, specializzata in rivestimenti architettonici per grandi edifici, annuncia oltre 150 esuberi sui 700 dipendenti del suo quartier generale trevigiano. A rischiare il posto sono in stragrande maggioranza gli impiegati: 131.
Il piano di ristrutturazione è stato comunicato mercoledì durante un incotro tra i vertici dell'azienda e i sindacati. Negli ultimi mesi, tra i lavoratori si erano intensificati i timori, in particolare dopo il passaggio della proprietà, avvenuto in primavera, dai giapponesi di Lixil al gruppo americano Atlas. "Senza un confronto che tracci percorsi industriali e di tutela per i lavoratori non ci sarà nessuna mediazione", affermano seccamente Enrico Botter e Alessio Lovisotto, rispettivamente segretari generali di Fiom Cgil e Fim Cisl.
La società vittoriese ha chiuso gli ultimi bilanci in perdita e ora dovrà affrontare l'impatto della pandemia sul comparto: "Permasteelisa S.p.A sta attraversando una situazione complessa e difficile - spiega una nota dell'azienda -, legata all’evoluzione del settoredelle costruzioni nei mercati di riferimento (UK, Francia, USA e Italia), che ha subito rallentamenti negliultimi anni causati dalla situazione di incertezza globale, su cui pesano sia fattori economici e geopolitici, siapiù recenti fattori legati all’attuale pandemia da Covid-19".
Proprio per far fronte a questa situazione generale, la riorganizzazione del personale si inserisce in una strategia di riposizionamento, lasciando il comparto delle facciate "generiche", per concentrarsi su quelle personalizzate e ad alte prestazioni, cosiddette "bespoke", tradizionale mercato di riferimento, seppur in contrazione negli ultimi anni, in cui Permasteelisa punta a riguadagnare competitività.
Le attuali normative vietano i licenziamenti. I sindacati si dicono dispositi a confrontarsi sulle nuove strategie, ma si oppongono fin da subito a tagli all'occupazione. “Lunedì saranno convocate le assemblee dei lavoratori – aggiungono Botter e Lovisotto –, consapevoli che in questa fase eccezionale la normativa ha formalmente bloccato i licenziamenti di natura economica mettendo a disposizione di lavoratori e imprese la cassa integrazione Covid almeno fino a marzo del prossimo anno. Per quanto ci riguarda si parte da qui, non ci sono mediazioni possibili su questi punti. Ma, allo stesso tempo, siamo consapevoli della situazione di difficoltà e non vogliamo sottrarci al confronto con l’azienda per provare a costruire da subito percorsi a tutela dei lavoratori dello stabilimento di Vittorio Veneto”.