Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Buone notizie per i Vignaioli Indipendenti Trevigiani

STATUTO CONSORZIO DI TUTELA: RAPPRESENTANZA DEI PICCOLI PRODUTTORI

La FIVI invita ad associarsi. "Ora si indicano le elezioni"


TREVISO - Il tavolo tecnico si è espresso: lo Statuto del Consorzio di Tutela garantisce  rappresentanza dei piccoli produttori. La delegazione FIVI Treviso li invita ad associarsi in massa. “Ora si indicano le elezioni”. Ha vinto la legalità. La delegazione FIVI Treviso plaude al lavoro svolto dai giuristi e al risultato raggiunto. L’unanimità, da parte di figure nominate da gruppi contrapposti, su articoli dello Statuto che si erano trasformati in veri e propri grattacapi, potenzialmente divisivi, non può che confortare i Vignaioli Indipendenti Trevigiani.
Viva soddisfazione viene inoltre espressa per le conclusioni finali dello studio, che avvalorano l’interpretazione degli otto consiglieri, che per primi hanno sollevato la questione, e di fatto restituiscono il giusto peso, e
adeguata considerazione, al mondo viticolo. In modo particolare lo Statuto consegna dignità rappresentativa ai piccoli produttori, come mai prima d’ora. Non ci sono più dubbi e non c’è più spazio per sterili prese di posizione né per inutili polemiche: l’analisi è stata minuziosa. Il metodo adottato analitico. Il risultato, super partes. Finalmente vedremo aumentata la nostra rappresentatività - affermano i Vignaioli Indipendenti Trevigiani -. Ora è necessario concentrare
l’attenzione sulle reali priorità del Consorzio di Tutela e sui temi che stanno davvero a cuore alle aziende. Per questo è imperativo rompere ogni indugio e programmare le elezioni per poter progettare il futuro, non solo consortile.
Il momento è delicato, la crisi che la pandemia ha portato
con sé non ha risparmiato neppure il mondo enologico, che dunque deve restare coeso per governare strategicamente i cambiamenti.
I Vignaioli rivolgono un accorato invito ai soci delle cantine sociali e ai piccoli viticoltori affinché si associno al Consorzio di Tutela, per allargare la partecipazione rendendola maggiormente attiva e fattiva. Si tratta infatti di un organismo collettivo che, come da Statuto, è chiamato a rappresentare equamente tutti i suoi attori, tanto chi produce l’uva, quanto chi la vinifica e chi la la commercializza e, naturalmente, chi come noi (più di quaranta aziende operanti nel territorio del Conegliano Valdobbiadene Docg) segue l’intera filiera.

Diego Berti