Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra le priorità del prossimo mandato la rigenerazione urbana

PENSIONATI CGIL TREVISO, BISCARO RACCOGLIE IL TESTIMONE DA BARBIERO

Anche il segretario nazionale Pedretti al cambio al vertice del sindacato


TREVISO - Alla presenza del segretario generale dello Spi Cgil nazionale Ivan Pedretti, è stato eletto oggi, il nuovo leader dei pensionati della CGIL trevigiana. Con 59 voti favorevoli e una scheda bianca Vigilio Biscaro raccoglie, in termini di numero di iscritti e di progettualità messe in campo, il grande lascito di Paolino Barbiero che conclude otto anni di mandato alla guida dello Spi di Treviso.
Classe 1952, trevigiano doc, residente a Villorba. Il lungo corso sindacale di Biscaro inizia negli anni ’80, militando per la Cgil come componente del Consiglio di fabbrica in un’industria della carta del trevigiano. Ha poi ricoperto il ruolo di segretario provinciale dell’allora Filis Cgil, dal 1985 al 1989, per passare successivamente ai metalmeccanici come segretario generale della FIOM CGIL Destra Piave e membro del Direttivo nazionale dal 1989 al 1996. Un altro incarico per un’altra categoria, dal 2006 fino al pensionamento, del 2019, è stato membro della segreteria provinciale della Fillea Cgil. Da sempre uomo di sinistra, dal 1975 al 1980 è stato, inoltre, consigliere comunale per il Pci a Villorba, dove ha ricoperto anche il ruolo di segretario della sezione del partito.
A Biscaro il compito di guidare il sindacato dei pensionati della CGIL di Treviso in questo difficile momento raccogliendo, in particolare, il grande patrimonio della contrattazione sociale costruito negli anni da Paolino Barbiero, che per la CGIL seguirà nuovi progetti che guardano alla rigenerazione urbana nel territorio della Marca. Lo Spi Cgil di Treviso oggi conta oltre 42mila iscritti, confermandosi da anni la maggiore organizzazione di pensionati in Veneto.
Le linee guida del nuovo mandato? “Dare continuità al lavoro finora portato avanti dalla categoria dei pensionati - risponde il neo segretario - per dare sempre di più voce a questo popolo di cittadini, ai loro bisogni e alle loro peculiarità, portandole all’attenzione delle Istituzioni e degli stakeholder del nostro territorio, anche attraverso un maggior coinvolgimento della Confederazione e delle categorie dei lavoratori più vicine alle problematiche della Sanità, degli anziani e delle donne". "Abbiamo l'ambizione di avviare un percorso di contrattazione sociale in ambito sovracomunale che guardi alla fusione dei Comuni e alla rigenerazione delle aree depresse del territorio e delle nostre città – ha aggiunto Biscaro -. Un lavoro collettivo che prevede l’impegno di tutta la squadra dello SPI a tutti i livelli di rappresentanza, che pensiamo sempre più formata e preparata a cogliere le sfide della contemporaneità e della digitalizzazione”.