Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il provvedimento in vigore da sabato 19 dicembre al 6 gennaio

IN VENETO DIVIETO DI USCIRE DAL PROPRIO COMUNE DALLE 14

Il governatore Zaia vara una nuova ordinanza


VENEZIA - Divieto di spostamenti all’esterno del proprio comune di residenza nel pomeriggio da sabato prossimo all’Epifania. Il governatore del Veneto Luca Zaia anticipa il governo e vara una nuova ordinanza con ulteriori restrizioni per il periodo delle festività natalizie e di fine anno. Dal 19 dicembre al 6 gennaio, dunque, in regione non si potrà uscire dai confini del proprio comune dopo le 14 se non per lavoro, per andare a scuola, per ragioni sanitarie, per andare a fare la spesa alimentare, se nella zona non c’è un punto vendita, o per altri comprovati motivi. All’interno del territorio comunale i residenti potranno muoversi liberamente e pubblici esercizi e negozi saranno aperti, naturalmente secondo le restrizioni di orario già in essere.
"E' una sorta di zona arancione ridotta di scala perchè concede gli spostamenti fino alle 14 - ha affermato il presidente della Regione nel consueto punto stampa -. Di meno di questo non si poteva fare, di più avrebbe voluto dire chiusura totale".
Limati gli ultimi dettagli, il testo dovrebbe essere pubblicato già venerdì. L’obiettivo è cercare di distribuire meglio i flussi commerciali, favorendo una sorta di autoregolamentazione di chi va a fare acquisti: soprattutto nei centri maggiori, è l’auspicio avanzato da Zaia, alla mattina dovrebbe recarsi le persone da fuori, mentre gli abitanti del posto sono invitati a andare nei negozi di pomeriggio, quando gli altri non si muoveranno.
Una soluzione di equilibrio, presa dopo lo studio dei dati e la consultazione con il Dipartimento di prevenzione della sanità regionale, ha spiegato il governatore. Che ha ribadito di essere ben consapevole che le nuove misure comportano dei sacrifici, sottolineando però che se non facciamo qualcosa a gennaio ci ritroveremo in grande difficoltà”. In Veneto conta attualmente 95.779 positivi, 3.331 ricoverati, di cui 378 in terapia intensiva e 5.161 morti, 92 in più di ieri.
L’indice Rt, tuttavia, rimane sotto la soglia massima, dunque il Veneto sarebbe destinato a rimanere in fascia gialla. Ma proprio i dati epidemiologici non permettevano di attendere ulteriormente le misure nazionali allo studio del governo, secondo Zaia che invierà la proposta veneta al ministro della Salute Roberto Speranza.