Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cna: "Scorretto verso chi ha già rinnovato la flotta e rischio veicoli datati"

BUS A NOLEGGIO, AUMENTATI I TEMPI DI VITA DEI MEZZI

La Regione Veneto prolunga l'impiego fiino a 19 anni


VENEZIA - Gli autobus destinati al noleggio con conducente potranno restare in servizio fino a 19 anni di età.  Lo ha deciso il Consiglio regionale del Veneto, approvando un emendamento che prolunga l'attuale limite di 15 anni.
Un aumento non corretto, secondo la Cna Fita, associazione delle imprese del settore.
“Apprendiamo oggi e in maniera del tutto casuale di questa importante modifica a quanto pare già approvata dal Consiglio regionale – commenta il vicepresidente Massimo Fiorese, che parla di un vero e proprio blitz – una novità che non ci convince tanto nel metodo quanto nel merito. Sul punto non c'è mai stata da parte delle istituzioni competenti alcuna richiesta alle associazioni datoriali che a quanto pare non sono mai state consultate. Un'occasione mancata visto che se ce lo avessero chiesto avremmo manifestato in maniere netta la nostra contrarietà”.
Fiorese entra poi nel merito della questione: “Siamo convinti che, se anche la nuova disciplina avesse come obiettivo quello di andare incontro alle esigenze di alcune imprese che non potrebbero oggi permettersi di rinnovare i propri mezzi, la decisione assunta non vada comunque nella direzione giusta per diversi motivi. Primo perché si crea una disparità di trattamento tra chi i mezzi ha già provveduto a cambiarli e chi invece ha atteso continuando a far circolare autobus vecchi. In questo senso chi oggi si trova a pagare le rate dei nuovi bus è doppiamente penalizzato rispetto invece a chi non ha avuto quest'onere. Questo non aiuta nessuno e anzi penalizza le aziende sane. Secondo perché l'azione è in contraddizione con quella conversione dei mezzi al green che invece tutta Europa ci chiede e terzo perché da genitore non vorrei che mio figlio e i suoi amici alla ripresa di gennaio fossero costretti a salire su un bus datato. La sicurezza viene infatti prima di tutto".