Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Superbonus 110% e legge di bilancio

CNA VENETO: "PER IL SUPERBONUS BISOGNA PUNTARE ALMENO A TUTTO IL 2023"

La proroga della misura al 2022 con la formula sei mesi più è poco efficace


MARGHERA - La proroga del Superbonus 110% al 2022? CNA Veneto giudica poco efficace la formula di 'sei mesi più sei' prevedendo gli ultimi sei mesi solo per consentire il completamento dei lavori. L’emendamento approvato alla Legge di Bilancio inoltre rischia di provocare ulteriore incertezza su uno strumento prezioso per la ripresa economica, ma che già evidenzia urgenti interventi di semplificazione della procedura.
“Pur comprendendo lo sforzo di dare seguito, come richiesto a gran voce dalla nostra associazione, a una misura che potrebbe ridare fiato anche al sistema edilizio del Veneto riteniamo che così come formulata nella legge di bilancio la proroga non sia sufficiente – è il commento del Presidente di CNA Veneto Alessandro Conte – I problemi della pandemia, come lo smart working della pubblica amministrazione che rende più complesso l'accesso agli atti, restano aperti e i nuovi condizionamenti rischiano di raffreddare quell'entusiasmo utile invece a rilanciare il settore e l'economia”.
Per CNA Veneto il fatto di condizionare il godimento della detrazione all’avanzamento lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo per i condomini entro il 30 giugno 2022, così come richiedere la fine dei lavori per le unifamiliari con accesso autonomo entro la stessa data, rischia di rallentare la domanda per i lavori di riqualificazione energetica degli immobili e generare un costoso e inutile contenzioso. Con quale precisione si potrà stabilire la percentuale dei lavori effettuati? Se si arriva al 58 o al 59% per cause non dipendenti dall’affidatario lavori perché viene meno l’intera detrazione? Sarebbe stato più semplice individuare un termine per l'inizio lavori, invece di nuove complicazioni.
“Le nostre stime a livello territoriale, effettuate sulla base delle risorse stanziate dal Decreto Rilancio, ci hanno consentito di dimensionare in quasi 1,7 miliardi di euro l'importo delle sole detrazioni fiscali in Veneto – dichiara il segretario di CNA Veneto Matteo Ribon – con un potenziale in termini di investimenti in edilizia di almeno 14 miliardi di euro nei prossimi sei anni per rimanere prudenti. Anche per questo come CNA avevamo sollecitato l'estensione della proroga almeno a tutto il 2023 e l'ampliamento agli immobili strumentali. Il Superbonus 110% rappresenta un importante volano per la ripresa economica considerando che la filiera delle costruzioni assicura un rilevante effetto moltiplicatore sulla crescita. Inoltre l'incentivo rappresenta l'unico strumento efficace per consentire all'Italia di raggiungere gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni definiti la scorsa settimana in ambito europeo”.