Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ancora bambino la famiglia era emigrata in Francia

ADDIO A PIERRE CARDIN, GENIO DELLA MODA ORIGINARIO DELLA MARCA

Lo stilista era nato nel 1922 a S. Andrea di Barbarana


TREVISO - E' morto oggi, all'età di 98 anni, Pierre Cardin, stilista italiano naturalizzato francese. Cardin, in cui vero nome era Pietro, era nato nel 1922 a Sant'Andrea di Barbarana, frazione del comune di San Biagio di Callalta, in provincia di Treviso: la sua famiglia di benestanti agricoltori, era andata in rovina durante la prima guerra mondiale e, per questo, nel 1924 era emigrata oltralpe, a Saint Etienne.
Dopo l'apprendistato con Jeanne Paquin ed Elsa Schiapparelli, quando Christian Dior aprì il suo primo atelier nel 1946, il giovane Cardin ne divenne primo sarto e fu partecipe della svolta di successo impressa dal maestro francese con il cosiddetto "New Look". Nel 1950 fondò la sua casa di moda, affermandosi per lo stile innovativo nelle linee geometriche, con richiami al futurismo e all'era spaziale, e nei materiali utilizzati, dalla plastica al vinile. E'considerato uno dei pionieri del pret-à-porter e alcune sue creazioni entrate nella storia  della moda, come il "bubble dress", un vestito "a palloncino" stretto in vita e con un rigonfiamento nella gonna.

Il cordoglio di Alberto Cappelletto, sindaco di San Biagio di Callalta, di cui Cardin era  originario: "Avremmo tanto desiderato di poterlo riabbracciare qui nella sua terra natale, ma i suoi impegni e poi l’età avanzata non ce l’hanno permesso. Nonostante questo siamo sempre stati onorati di averlo avuto come concittadino e siamo stati orgogliosi di quello che ha rappresentato nel mondo arrivando ad essere uno degli stilisti più famosi e un genio del design italiano. Oggi piangiamo la morte di un figlio della nostra terra e faremo in modo che della sua memoria rimanga traccia anche nel paese dove egli ha vissuto la sua infanzia e che gli ha sempre manifestato affetto e stima”

L'imprenditore-stilista aveva la cittadinanza onoraria di Treviso, conferitagli nel 1995 dall'allora sindaco Giancarlo Gentilini, con una grande cerimonia: "Oggi la comunità trevigiana piange un grande protagonista della moda internazionale e un suo cittadino onorario - sottolinea l'attuale primo cittadino Mario Conte - Il nostro territorio ha dato i natali a un genio della moda che ha portato l’avanguardia sulle più importanti passerelle. Il suo nome sarà per sempre legato alla nostra Città che lo ricorderà sempre con affetto e ammirazione. Porgiamo alla famiglia le nostre più sentite condoglianze".