Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco: "Nuovo concetto di città, quartieri e centro non più distinti"

PISTE CICLABILI, ROTATORIE, MARCIAPIEDI: ECCO IL NUOVO VOLTO DI SAN LIBERALE

Il Comune di Treviso vara lavori per 2,2 milioni di euro


TREVISO - Rotatorie agli incroci, marciapiedi risistemati, soprattutto nuove piste ciclabili. L'amministrazione comunale di Treviso chiude l'anno dando il via libera ad una nuova tornata di interventi per riqualificare e mettere in sicurezza la viabilità nel quartiere di San Liberale.
Il cantiere partirà il prossimo luglio con la previsione di concludersi nel giro di un anno, ma il progetto è pronto ed è stato illustrato dal sindaco Mario Conte, insieme all'assessore ai Lavori pubblici Sandro Zampese, al vicesindaco, con delega alla mobilità, Andrea De Checchi e al presidente della commissione Lavori pubblici, Giancarlo Da Tos. L'importo complessivo dell'operazione ammonta a 2,2 milioni di euro, stanziati da Ca' Sugana, ma si punta ad ottenere anche un finanziamento da 600mila euro tramite un bando del ministero dell'Ambiente.
In particolare, in viale Europa verrà realizzato un percorso ciclopedonale di circa un chilometro e mezzo. La larghezza della carreggiate carraie rimarrà inalterata, lo spazio necessario verrà recuperato restringendo l'aiula spartitraffico centrale. Verrà anche riorganizzata l'area di arrivo degli autobus nei pressi del polo scolastico con liceo scientifico, istituto tecnico turistico e istituto tecnico per geometri. Inoltre, verrà riconfigurato l'incrocio con via Azzi, inserendo un rondò. Particolarità, tutti gli attraversamenti saranno identificati da una pavimentazione colorata, per renderli più evidenti e indicare la precedenza di pedoni e ciclisti rispetto al flusso di veicoli.
In via Cisole, il progetto prevede una pista ciclabbile per 450 metri, nuova illuminazione e la creazione di una rotatoria tra via dei Campi sportivi e via Toscana, al posto dell'attuale intersezione squadrata, garantendo più sicurezza nell'immissione. Verrà prediposto un nuovo impianto di videosorveglianza nel quartiere e, infine, verranno realizzati marciapiedi e illuminazione pubblica in via Toscana e via Lazio, mentre in Largo Tre Venezie e via Sicilia verrà risistemato il marciapiedi esistente.

Il sindaco Conte ha ribadito come i nuovi percorsi permettano di collegare questo quadrante dove hanno sede diversi frequentati istituti scolastici e molti impianti sportivi, con il centro, ma anche con gli altri quartieri: "Andiamo sempre di più nella direzione della città dei 15 minuti: potenzialmente i nostri cittadini, a piedi o in bicicletta, in questo tempo possono raggiungere ogni servizio a loro necessario. Credo sia la direzione giusta sia da un punto di vista ambientale per diminuire l'inquinamento, sia da un punto di vista della mobilità per lasciare a casa l'auto. Se guardiamo con un raggio d'azione più ampio, vediamo come questo progetto di San Liberale è collegato alla nuova ciclabile di via Castagnole, a Paese, a Santa Bona, un progetto che va nella direzione della Grande Treviso e di migliorare la qualità della vita dei cittadini, cancellando la distinzione tra quartieri e centro storico, per una visione unitaria di città".

Su un nuovo concetto di mobiltà ha insistito anche il vicesindaco De Checchi: "Questo intervento di riqualificazione non solo andrà a incidere concretamente sulla viabilità a beneficio del traffico ma costituirà anche uno dei tratti più importanti della ciclopolitana, in particolare la Linea 5, indicata con il colore rosso», afferma il vicesindaco Andrea De Checchi. «Come era già stato sottolineato in sede di presentazione del nuovo progetto relativo alla mobilità ciclabile in Città, intendiamo assolutamente far sì che i collegamenti siano sicuri, veloci e intuitivi. Solo così si possono togliere auto dalle strade e promuovere concretamente la mobilità ciclabile non solo per lo svago ma anche per raggiungere gli istituti scolastici e il luogo di lavoro".
Per l’assessore Zampese: "Si tratta di un intervento organico e completo di riqualificazione di un quartiere che interessa più settori, la mobilità sostenibile, la sicurezza e riqualificazione degli ambiti compreso l’intervento che effettuerà Alto Trevigiano Servizi per il collegamento della rete fognaria al depuratore comunale. Un’opera di grande caratura destinata a migliorare sensibilmente la viabilità e i servizi del quartiere di San Liberale".