Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Troppo alto il rapporto tra tamponi e risultati positivi

FORTE AUMENTO DI CONTAGI NEL TREVIGIANO: NUMERI ESAGERATI

Benazzi: "Purtroppo ci sono persone positive che non rispettano la quarantena"


TREVISO - Ad oggi ci sono 524 positivi nella provincia di Treviso. Tanti tamponi sì, ma un numero esagerato di positivi nonostante il mini lockdown.
"Purtroppo i contagi dipendono dalle uscite di persone che sono in quarantena. Persone che escono nonostante la positività e che si rendono irreperibili telefonicamente nonostante la quarantena e sono incontrollabili. Comportamenti poco etici da evitare. Chiederò al prefetto quindi di aumentare i controlli" - così esordisce Il dg Francesco Benazzi nel punto stampa di oggi.
Il rapporto numero tamponi e numero positivi è alto: 14% , sopra la media nazionale. Come popolazione dobbiamo applicare le regole, se no i contagi aumentano. Una fase di plateau che continua da mesi, un rapporto tamponi positivi da scongiurare. E i pranzi di Natale non hanno aiutato. Le regole evidentemente non sono state rispettate.
Oggi in provincia di Treviso ci sono 524 positivi, 10 decessi, 34mila495 guariti dato confortante. 16070 positivi totali. 45 terapie intensive occupate nell’ulss 2 trevigiana. Tanti contagi, fortunatamente molti di essi asintomatici. L’indice di Rt della provincia è sotto l’1, fortunatamente.
“Dobbiamo evitare di portare le persone in terapia intensiva, dobbiamo evitare i contagi” - continua Benazzi - Ogni morte per noi è uno strazio”.
Per quel che riguarda i centri servizi, sono 541 i positivi tra operatori e ospiti:
Gli operatori positivi sono 208, cioè il 3%; e gli ospiti positivi sono 333, cioè il 6,55%.
Andamento dei positivi e quarantene dipendenti Ulss 2: 246 positivitotali. Gli oss in isolamento domiciliare sono 36, e 10 sono in quarantena, fuori dal lavoro a causa del Covid.
102 sono gli infermieri fuori dal lavoro, 26 i tecnici e 26 i medici, tutti positivi fuori dal lavoro.
L’unico segnale buono riguarda le nuove assunzioni:
Ci sono stati diversi avvisi a tempo determinato per infermieri. La difficoltà maggiore riguarda i medici: “Non troviamo gli specialisti – afferma Benazzi - questo ci porterà a chiudere delle unità operative se si continua così. Unità che sono sempre rimaste aperte, gli interventi urgenti sono sempre proseguiti, le emergenze gestite, ma non troviamo gli specialisti”.
Riguardo alla campagna vaccinale, cominciata ieri al Ca’ Foncello, sono state somministrate 1200 dosi di vaccino: c’è stata un’adesione totale del personale sanitario dell’Ospedale di Treviso. Oggi sono programmate altrettante dosi di vaccino e l’afflusso nella sala convegni dell’ospedale è altrattanto massiccio.
“La vaccinazione di massa è l’unica modalità per uscire da questa situazione ed evitare milioni di morti” ha affermato il dottor Dalla Barbara. Le dosi sono giunte il 30 dicembre in Veneto. Oggi e domani proseguono le vaccinazioni al Ca Foncello, domani a Montebelluna e Vittorio Veneto. Poi mercoledì partiranno le somministrazioni a Castelfranco, Oderzo e Conegliano.
Personale sanitario vaccinato per primo, per poi passare ai centri servizi dal 5 gennaio e il personale del territorio: medici di famiglia, pediatri, volontari e personale dei distretti, che entro il mese di gennaio saranno tutti vaccinati, esaurendo così le 30mila dosi ricevute. A febbraio ci sarà il richiamo con la seconda dose di vaccino per chi è stato vaccinato.
“E’ importante che gli enti regolatori approvino i nuovi vaccini – afferma Dalla Barbara - aumentando la disponibilità al vaccino. Servono più dosi”.
L’immunità di gregge sarà raggiunta con il 65% della popolazione vaccinata, per questo l’Ulss 2 raccomanda di farsi vaccinare, oltre alle raccomandazioni fatte fino ad oggi che sono quelle di evitare i contatti il più possibile, lavarsi le mani spesso e indossare sempre la mascherina. “Noi siamo pronti per vaccinare tutti” ha concluso Benazzi, con un augurio sereno e prospero per il 2021.