Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In pittura il dramma della pandemia

MARZO 2020: L'OPERA DI WALTER MARIN DONATA AL CA' FONCELLO

Un Cristo sofferente la cui croce forma i due corridoi di un ospedale


TREVISO - “Marzo 2020” è il titolo dell’opera che l’artista Walter Marin ha donato nei giorni scorsi all’Ulss 2. L’opera, collocata nei locali della Direzione Medica Ospedaliera del Ca’ Foncello di Treviso, rappresenta uno dei periodi più difficili della pandemia proprio nel vissuto ospedaliero: un Cristo sofferente la cui croce forma i due corridoi di un ospedale nei quali si intravvedono due figure, nel corridoio di sinistra un medico, visibilmente affaticato e stanco ma sostenuto da un'intima speranza di guarigione per i suoi malati; nel corridoio di destra una donna che sta andando via dopo aver fatto visita a un familiare e che stringe nella sua mano sinistra una borsa e una mascherina; anche lei sta camminando verso la luce in fondo al corridoio da cui si intravede di nuovo la figura del Cristo, un Cristo salvifico che è speranza.
“Ho realizzato l’opera durante il primo periodo di pandemia – spiega Marin -. Negli ospedali medici e infermieri erano in prima linea e le famiglie piangevano i loro morti o si aggrappavano al filo della speranza per i propri cari ricoverati. Il dolore e la speranza sono i cardini su cui poggia l’opera; l’umano e il divino, la fede, la tematica e la scienza insieme per la rinascita”.
“A Walter Marin va il nostro più sentito ringraziamento – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi -. Nell’opera che ci è stata donata l’artista ha magistralmente colto e rappresentato il dolore e la speranza che ci stanno accompagnando in questi lunghissimi mesi di convivenza con il virus”. 
Walter Marin, artista originario di Crocetta del Montello, vive e lavora a Treviso. Ha esposto in molte gallerie nazionali e internazionali. È inserito nei più importanti cataloghi d’arte italiani e raccolte internazionali.