Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due milioni di anni fa dal grande ghiacciaio lì esistente. Siamo a Peschiera, il comune più occidentale del Veneto, a un chilometro dal casello autostradale, velocemente raggiungibile da tutta Italia. Per i Veneti, una passeggiata. Nel territorio non c’è solo la grande bellezza del Benaco, il più grande lago d’Italia, è anche luogo saturo di storia.
Il Club insiste su ottanta ettari di terreno ondulato, che comprendono zone boscose, dolci colline, alternate a pianori. Sono 18 buche da campionato Par 71, caratterizzate da green molto ampi e ondulati. Accanto ad esse, un tracciato minore di quattro buche col nome vezzeggiativo di “Paradisetto”, campo-scuola del resort, utilissimo ai neofiti. Le buche sono un po’ meno impegnative, ma adatte sia a giocatori esperti che ai neofiti. Gode però anche di una sua autonomia, in quanto percorso regolarmente certificato, aggregato alla F.I.G., tanto che ai soci frequentatori è consentito la frequenza dei campi di tutto il mondo, senza ulteriori spese per iscrizioni a Club più importanti.
Tornando al fratello maggiore, le buche regolamentari, di moderna concezione, comprendono cinque laghi e numerosi bunker; per il tappeto erboso dei tee, green e fairway si è scelto l’Agrostis Stolonifera, specie microterma di grande pregio, e con eccellenti prestazioni. In particolare, per quanto riguarda i green, è stata scelta la cultivar chiamata Penn-A4. Estremamente densa, sopporta tagli molto bassi anche in situazioni di stress termico e idrico e rende i green sempre uniformi, levigati e veloci durante tutto l’arco dell’anno. Questo permette al giocatore di effettuare colpi sempre precisi nelle traiettorie per imbucare.
Nel Club sono presenti valide attrezzature, e sono a disposizione rinomati, abili professionisti. Son molte le competizioni che il Club organizza per la soddisfazione dei soci, e tutto qui gode la vista del lago di Garda, con sullo sfondo le cime del monte Baldo: un panorama di eccellenza.
In brevissimo tempo, proprio per l’importanza e la qualità del percorso, il “Paradiso del Garda” è entrato a far parte dei più prestigiosi circuiti golfistici nazionali, riscuotendo notevole successo per la massiccia partecipazione dei giocatori di golf alle competizioni organizzate.
Infine, i bunker, che ricoprono un’area di 8.000 metri quadrati: non sono fatti di sabbia comune, ma di quarzite bianca, che conferisce al campo una particolarità degna di nota.
Paolo Pilla