Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ricoverato in rianimazione all'Ospedale di Bassano

MANGIA UNA ZUPPA MAL CONSERVATA, 40ENNE INTOSSICATO DA BOTULINO

Prodotto industriale scongelato da giorni e scaduto


VICENZA - Ha mangiato una zuppa scongelata da giorni ed è rimasto intossicato da botulino. La vicenda riguarda un vicentino di 40 anni, ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Bassano del Grappa per botulismo alimentare, un’intossicazione scatenata dal consumo di una zuppa in busta conservata inadeguatamente.
Secondo quanto emerso dal racconto dell'uomo, i sintomi sono comparsi a circa 72 ore dal consumo dell'alimento. Ricoverato all'ospedale San Bassiano, è ora in progressivo miglioramento e non sarebbe più in pericolo di vita.
Dall'indagine epidemiologica è risultato che il vettore è stato una moderna zuppa di farro di produzione industriale, venduta nel banco frigo al supermercato nel rispetto della catena del freddo.
Diversamente dalle istruzioni, però, la zuppa era stata conservata a temperatura ambiente per giorni, aperta dopo la data di scadenza e non portata ad ebollizione. Fortunatamente, il sapore amaro percepito dall'uomo, causato dal botulino, ne ha limitato il consumo e, probabilmente, la quantità di tossina ingerita, che non è risultata fatale.