Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco Conte: "Testimonianze siano senza ideologia per condannare ogni estremismo"

NELLA GIORNATA DEL RICORDO INAUGURATA A TREVISO VIA NORMA COSSETTO

La studentessa violentata e infoibata nel 1943


TREVISO - Questa mattina, in occasione del Giorno del Ricordo dei massacri delle foibe e l’esodo giuliano dalmata, è stata inaugurata la nuova via intitolata a Norma Cossetto, studentessa universitaria di Santa Domenica di Visnada, violentata, uccisa e gettata in una foiba nel 1943.
Il sindaco di Treviso Mario Conte, prima della scopertura dell’insegna, ha sottolineato che le iniziative che ricordano le vittime degli orrori e della sopraffazione, «devono essere assolutamente scevre da ogni ideologia o appartenenza e rappresentare una condanna comune e ferma all’odio e all’estremismo oltre che un invito a far sì che la testimonianza, che fra qualche anno non potrà più essere diretta, giunga alle nuove generazioni».
Nuove generazioni rappresentate dagli studenti delle scuole medie Coletti, situate proprio nei pressi della laterale di via Santa Bona Nuova che hanno suonato l’inno nazionale e ascoltato l’accorata e commuovente testimonianza di Andrea Patelli, istriano e membro di ANVGD: «Pensate se a 9 anni vi costringessero a lasciare la vostra terra, i paesi di cui conoscete ogni singola pietra. Siete fortunati a vivere in un paese libero e democratico». Presente anche il Prefetto Maria Rosaria Laganà, che ha sottolineato come la vicenda di Norma Cossetto rappresenti una nazione intera e che la sua storia debba unire le comunità nella condanna alla violenza sulle donne.
Una seconda cerimonia si è tenuta alla lapide degli esuli giuliano dalmati, in via Scarpa, nei pressi della Chiesa Votiva. Dopo il momento di raccoglimento sulle note del Silenzio è stata letta da alcuni esuli di ANVGD l’Invocazione per le vittime delle foibe, scritta da Monsignor Antonio Santin.

Presente alla cerimonia anche il consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Tommaso Razzolini, che poi ha presenziato anche ad analoghe commemorazioni a Montebelluna e Valdobbiadene. “Desidero plaudire alle iniziative promosse oggi dalle amministrazioni comunali del territorio trevigiano - afferma il consigliere regionale Tommaso Razzolini. Celebrare oggi il Giorno del ricordo significa commemorare tutte le vittime e i martiri delle foibe lungo il confine orientale d’Italia, ma anche dell’esodo giuliano, fiumano e dalmata di un popolo colpevole solo di essere italiano”. “Sia l’occasione per condannare - prosegue Razzolini - ogni forma di propaganda, revisionismo o riduzionismo nei confronti dei crimini commessi dai partigiani titini e da ogni forma di totalitarismo di ieri e di oggi. Un’esigenza più che mai attuale visto che oggi continuano ancora ad esistere delle iniziative che vorrebbero negare o quantomeno minimizzare una pagina di storia così crudele”. “Come quel post assurdo redatto dall’Anpi di Brescia - conclude il consigliere di Fratelli d’Italia - che citando Eric Gobetti insinua come quella di Basovizza non fosse tecnicamente una foiba, ma un pozzo minerario abbandonato, oltre a sostenere che non ci siano prove documentarie certe di esecuzioni e sepolture. Questa forma di revisionismo deve finire”

Galleria fotograficaGalleria fotografica