Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/348: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO ALL'AMERICAN EXPRESS

L'azzurro chiude 8° nel torneo vinto dal coreano Si Woo Kim


LA QUINTA (USA) - Dopo due mesi di stop, finalmente si è sciolta l’incognita sul ritorno al gioco di Francesco Molinari. È passato un po’ dal Master Tournament, l’azzurro è ora tra i protagonisti a La Quinta, in California, nel torneo American Express del PGA...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Gli interventi del Gruppo Forre del Soccorso alpino e speleologico Veneto

IL GRUPPO FORRE È OPERATIVO ANCHE IN INVERNO

Ambienti estremi e rapidità di azione per soccorrere persone in difficoltà


BELLUNO - Sono già tre gli eventi addestrativi che hanno coinvolto il Gruppo forre del Soccorso alpino e speleologico Veneto dall’inizio dell’anno.
La necessità di esercitarsi all’interno delle gole ghiacciate è dettata dal fatto che ormai il torrentismo è praticato in ogni stagione in tutto l’arco alpino. Inoltre capita spesso che la squadra di soccorso in forra sia chiamata a intervenire in caso di ricerca di persone disperse, dove vi siano strette vallate percorse da ruscelli e torrenti, incassate tra pareti strapiombanti, in cui qualcuno potrebbe essere malauguratamente scivolato e nelle quali è necessaria la progressione in sicurezza con manovre proprie del torrentismo.
Nel periodo invernale, date le rigorose condizioni all'interno delle forre e relativa formazione di ghiaccio, è doveroso prepararsi ad una gestione attenta sia delle corde, che inevitabilmente risulteranno bagnate e ghiacciate, che della restante attrezzatura in generale per le conseguenze legate appunto alle basse temperature. Anche la movimentazione con ramponi adeguati ad evitare il rischio di scivolamento deve essere provata.
La muta stagna consente il necessario isolamento termico per questo tipo di attività anche nei mesi più freddi. Chiaramente un intervento in ambiente tanto estremo richiede una maggiore rapidità nell’esecuzione e il minor tempo di permanenza possibile dell’infortunato al suo interno.
Per questi motivi è necessaria per il Gruppo forre un’attività senza soluzione di continuità durante l’anno. I tre appuntamenti di aggiornamento delle manovre e test del materiale in ambiente invernale si sono svolti domenica 24, sabato 30 gennaio e venerdì 5 febbraio. I luoghi scelti per le operazioni sono stati il Vajo delle Scalucce a Fumane (VR), il Rio Nero a Ledro (TN) e una palestra in esterno. In tutte le situazioni è stata garantita l’applicazione delle procedure antiCovid.


Galleria fotograficaGalleria fotografica