Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cibo e gadget di carnevale irregolari

VENEZIA, SEQUESTRO DI ARTICOLI NON SICURI IN UN MARKET

Ritirati 210 mila articoli non sicuri e 1.300 prodotti alimentari senza documentazione di origine


VENEZIA - La Guardia di Finanza di Venezia nel corso di 3 distinti interventi ha sequestrato circa 210.000 articoli non sicuri e 1.300 prodotti alimentari privi della documentazione di origine e tracciabilità.
Tra le merci sequestrate dal 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Mestre vi era materiale di cancelleria, articoli per ferramenta, maschere e gadget di carnevale, snack e patatine, funghi secchi, e altri prodotti tipici della cucina asiatica.
Gli articoli sequestrati, posti sugli scaffali e pronti per la vendita, sono stati rinvenuti presso negozi di Mestre e Marcon gestiti da imprenditori stranieri e sono risultati carenti delle informazioni relative alla denominazione merceologica, all’identificazione dell’importatore, alla presenza di materiali o sostanze pericolose o nocive nonché della necessaria documentazione di origine a fini igienico-sanitari.
Al termine delle attività ispettive, i titolari delle imprese sottoposte a controllo sono stati segnalati alla Camera di Commercio di Venezia ed al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali per l’irrogazione delle relative sanzioni amministrative che, per le irregolarità rilevate dai finanzieri, possono superare anche i 50.000 euro.


Galleria fotograficaGalleria fotografica