Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/348: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO ALL'AMERICAN EXPRESS

L'azzurro chiude 8° nel torneo vinto dal coreano Si Woo Kim


LA QUINTA (USA) - Dopo due mesi di stop, finalmente si è sciolta l’incognita sul ritorno al gioco di Francesco Molinari. È passato un po’ dal Master Tournament, l’azzurro è ora tra i protagonisti a La Quinta, in California, nel torneo American Express del PGA...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il ferito resta in condizioni stazionarie, ma gravi

RITROVATA LA PISTOLA DEL TENTATO OMICIDIO DI BORGO CAPRIOLO

Rinvenuta dalla Polizia in un casolare di Santa Bona


TREVISO - Ritrovata l'arma del tentato omicidio di Borgo Capriolo. La pistola con cui lunedì scorso Branko Durdevic ha sparato alla testa dello zio Joco Durdevic, al termine di un alterco per ragioni familiari, è stata ritrovata dai poliziotti della Squadra Mobile di Treviso all'interno di un casolare abbandonato, nella zona di Santa Bona, non molto distante dal luogo dove è avvenuta la sparatoria. Si tratta di una semiautomatica di colore nero, con matricola abrasa. Il 36enne, infatti, dopo il fatto, era fuggito a piedi, nascondendosi nelle campagne attorno all'abitazione, salvo poi consegnarsi dopo essersi reso conto di essere ormai braccato dalla Polizia e senza vie di scampo. Al momento dell'arresto non aveva con sè l'arma, ma le indicazioni fornite su dove l'avesse lasciata non erano corrispondenti al vero.
Le ricerche della pistola sono state supportate anche dall’ausilio della Polizia Scientifica e unità cinofile specializzati nel rilevamento di esplosivi.
Branko Durdevic si trova attualmente in carcere a Venezia, mentre le condizioni di Joco Durdevic, ricoverato all'ospedale Ca' Foncello, restano molto gravi, anche se stazionarie.