Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/348: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO ALL'AMERICAN EXPRESS

L'azzurro chiude 8° nel torneo vinto dal coreano Si Woo Kim


LA QUINTA (USA) - Dopo due mesi di stop, finalmente si è sciolta l’incognita sul ritorno al gioco di Francesco Molinari. È passato un po’ dal Master Tournament, l’azzurro è ora tra i protagonisti a La Quinta, in California, nel torneo American Express del PGA...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Osservatorio di Veneto Lavoro: numeri che parlano da soli

A GENNAIO CALO DELLE ASSUNZIONI IN VENETO DEL 27%

Bertin: "Il 2021 deve essere l'anno del rilancio delle imprese"


VENEZIA - Assunzioni sono in calo del 27% rispetto all’anno scorso e del 32% sul 2019 secondo l'Osservatorio di Veneto Lavoro. Su base annua, il saldo negativo corrisponde a 13 mila posti di lavoro dipendente in meno. Il Covid ha colpito soprattutto il turismo (-79%) e il commercio (-34%), una contrazione nel turismo e nei pubblici esercizi di circa 14.800 addetti e nel commercio di 1.400.
“I numeri parlano chiaro, riflettendo la gravità della situazione a causa della pandemia – commenta il presidente Patrizio Bertin – Queste stime dicono l’urgenza di svoltare al più presto: i posti di lavoro non li creano i decreti o i sussidi, ma le imprese che hanno bisogno di essere sostenute. Il 2021 dev’essere l’anno del rilancio. Si investa fortemente sulle politiche attive anche perché il blocco dei licenziamenti, ormai prossimo, rischia di essere la valanga finale.
Si sostengano i contratti di apprendistato per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani e si prevedano incentivi per creare occupazione e aiutare il ricollocamento di chi ne è stato espulso, magari senza trovare il paracadute degli ammortizzatori. C’è poco da dire: se le imprese non ripartono, specialmente nei settori più colpiti, l’emergenza diventerà gravissima”.