Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Illegittimo e discriminatorio penalizzare chi ha fatto una scelta

PERSONALE SANITARIO NON VACCINATO CONTRO IL COVID-19, RISCHIO SANZIONI

Busatto: "Esercitare un diritto a non vaccinarsi non si traduce nel mancato rispetto delle norme deontologiche"


VICENZA - "È arrivato il momento di smetterla e di riflettere con serietà ed intelligenza sulle dimensioni della pandemia che stiamo vivendo. Lavorare nelle strutture sanitarie, in questo momento in particolare, è un compito delicato ed a cui va riconosciuto il giusto peso.
Colpevolizzare il personale sanitario che decide di non vaccinarsi di contribuire alla diffusione del Covid-19, così come chiedere a gran voce che gli stessi lavoratori vengono sanzionati, è irrispettoso ed insensato". Con queste parole il segretario del Nursind Veneto, Egidio Busatto, interviene riscontrando che i media veneti riportano, da più parti, prese di posizione contro gli infermieri che non intendono procedere alla vaccinazione anti Covid-19, paragonandoli ai No Vax.
Rifiutare una vaccinazione non significa essere No Vax. Certo, ci sono degli infermieri che non hanno proceduto, per le più disparate motivazioni personali – sottolinea il segretario Busatto – a sottoporsi alla vaccinazione anti Covid-19, ma questo corrisponde ad un loro diritto. E, nel rispetto della privacy, i nominativi di questi sanitari non vanno segnalati al datore di lavoro, semmai al medico competente.
In corsia 365 giorni l’anno per il bene comune. Gli infermieri ci sono sempre, tutti i giorni dell’anno e per tutti.
Il rifiuto della vaccinazione – aggiunge il segretario Busatto – non va confuso con una mancanza di serietà nello svolgere la propria attività lavorativa. Non siamo degli eroi, ma di certo non meritiamo che l’immagine del personale infermieristico venga distorta da una comunicazione non precisa e denigratoria nei confronti di chi, con impegno e dedizione, e nel pieno rispetto delle regole lavora per la salute pubblica.
Per difendersi dalla pandemia occorre vaccinare buona parte della popolazione. La diffusione del Covid-19 non parte dagli ospedali, non origina dal personale sanitario – evidenzia il segretario Busatto – e, di certo, non si risolve vaccinando tutti i lavoratori della Sanità. Occorre agire a livello globale: solo arrivando ad una significativa parte della popolazione vaccinata si può sperare di ridurre questa pandemia”.
Il vaccino non esclude un nuovo contagio. Essere vaccinati, come ha dichiarato l'Aifa, non significa essere “sicuramente” protetti dal contagio e non esclude che si possa trasmettere il virus.
Noi infermieri vaccinati dobbiamo continuare ad usare i Dpi e rispettare le regole sul distanziamento sociale. Ci vengono fatti con regolarità i tamponi – prosegue il segretario Busatto – per controllare che non ci siamo positivizzati e si stanno scoprendo proprio in questi giorni, casi di personale sanitario vaccinato risultato comunque positivo al tampone.
Rispettiamo le regole ed invitiamo i cittadini a vaccinarsi, ma rifiutiamo le discriminazioni.
Abbiamo letto che alcune Aziende sanitarie venete stanno valutando di comminare sanzioni al personale sanitario che non si vaccina – conclude il segretario Busatto – ma si tratta di provvedimenti illegittimi, se non discriminatori. Questo punto di vista corrisponde anche a quello manifestato dal Coordinatore degli OPI (Ordine delle Professioni Infermieristiche) del Veneto, Marco Contro. Siamo pronti a tutelare i diritti dei nostri iscritti. Invitiamo tutti i cittadini a vaccinarsi contro il Covid-19, per proteggersi ed arrestare la diffusione del virus, ma riteniamo doveroso informare la gente che, per impedire i focolai nei reparti di degenza, non basta che tutto il personale sanitario sia vaccinato".