Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Denunciata una donna per aver rubato 20 mila euro

ENTRAVA NELLE MAIL DELLE VITTIME E SOSTITUIVA L'IBAN CON IL PROPRIO

Sventata una frode informatica con la tecnica del "Man in the middle"


TREVISO - I finanzieri del Comando Provinciale di Treviso, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, hanno individuato e neutralizzato una particolare frode informatica, realizzata da una 41enne romena, residente in provincia di Padova.
La frode, conosciuta come “Man in the middle”, consiste nell’intercettare la mail con la quale un venditore invia al cliente la fattura o un altro documento commerciale, contenente i dettagli del conto corrente su cui effettuare il pagamento di un servizio o di un bene.
Il truffatore, infatti, dopo essere riuscito ad accedere abusivamente alla casella di posta elettronica della vittima, avvia una paziente attività di osservazione delle mail scambiate tra venditore e cliente, che può durare anche settimane o mesi, in attesa che il messaggio di posta elettronica, contenente il codice IBAN su cui versare la somma, giunga nella casella di posta in arrivo del cliente (da qui l’altro nome della truffa, “Man in the mail”). In quello stesso momento, con tempestività e accurata perizia criminale, interviene per sostituirlo con il proprio codice IBAN: a questo punto, l’ignara vittima esegue il bonifico non sul conto corrente del venditore, ma su quello del truffatore.
Una volta che la somma è stata accreditata, il truffatore provvede, immediatamente, a svuotare il conto corrente, effettuando una serie di bonifici su conti esteri o tramite prelievi multipli, con più carte bancomat associate allo stesso conto.
È quanto è capitato a un imprenditore della provincia di Venezia, che si è presentato alla Guardia di Finanza non appena si è reso conto che un bonifico di ventimila euro, per l’acquisto di un’auto presso una concessionaria veneta, non era andato a buon fine: la somma infatti risultava regolarmente addebitata, ma non era mai pervenuta al rivenditore di auto.
Le Fiamme Gialle della Compagnia di Treviso hanno immediatamente avviato le indagini e, anche attraverso l’acquisizione dei file di log dei messaggi di posta elettronica della vittima (una sorta di “scatola nera” virtuale, contenente le informazioni sul funzionamento di una macchina o di un programma), hanno ricostruito l’intera vicenda, smascherando la truffa e bloccando immediatamente il conto corrente che la truffatrice aveva utilizzato per appropriarsi della somma, in attesa del successivo intervento dell’Autorità Giudiziaria di Milano, competente in relazione alla sede della filiale di “appoggio” del conto. In tal modo, al blocco del conto corrente è seguito il sequestro penale della somma frutto della frode informatica, che è stata restituita alla vittima, mentre la truffatrice rischia ora una condanna fino a tre anni di reclusione.

Galleria fotograficaGalleria fotografica