Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

LE CREAZIONI DI GIANFRANCESCO DEMENEGO KAISER

Gioielli unici e preziosi di un vero creativo


Il giorno 14 ottobre alle ore 18.30 presso la galleria

Via S. Nicolò 12, Treviso

tel 0422 540040

verranno presentate le

Creazioni di GianFrancesco deMenego

La mostra rimarrà a perta dal 14 ottobre all’11 novembre 2006

 

 

LE CREAZIONI DI GIANFRANCESCO DEMENEGO KAISER

 

 

Dopo lo sportivo (maratoneta alle Olimpiadi di Monaco del ’72) ed il politico (sindaco di Cortina d’Ampezzo e assessore provinciale all’ambiente di Belluno), Gianfrancesco Demenego si rivela nelle vesti dell’artista: pochi in realtà sanno che, per hobby, ama creare piccoli oggetti preziosi.

Una passione nata quasi per caso, dapprima intagliando pezzi di legno raro, come l’ebano, che poi arricchiva con inserti in argento o pietre semipreziose, fino a lavorare l’oro, l’avorio, il corallo, cui va accostando perle, gemme, diamanti, creando oggetti e gioielli originali.

Una manualità ed un talento innati, forse ereditata dagli avi ampezzani, famosi artigiani del ferro battuto, chiamati a Vienna dall’imperatore austriaco a forgiare le inferriate ed i cancelli del palazzo imperiale: da qui il soprannome di famiglia “Kaiser”.

Nel tempo, Gianfrancesco Demenego organizza un laboratorio degno di un vero orafo,  quale sta diventando, e si diletta nelle creazioni più originali, di valore artistico e tecnico sempre più elevati, raggiungendo  livelli di competenza e sicurezza di solito difficilmente acquisibili da un autodidatta.

Neppure un grave incidente alla mano destra, che sembrava precludere qualsiasi possibilità di continuare tale attività, ferma la sua volontà creativa: emerge il carattere determinato del montanaro, lo spirito di sacrificio del maratoneta, l’amore per le sfide del politico, e da quella stessa mano nascono ancora gioielli unici e preziosi, di rara raffinatezza.

La mostra  di  Treviso è  un  omaggio  che  la  famiglia,  forzando  la   ritrosia di Gianfrancesco Demenego,  ha  voluto  dedicare all’uomo ed al suo estro creativo.