Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

L'EUROPA INCONTRA IL VENETO
Austerità e crescita, dilemma europeo

BRUXELLES - "Di austerità si muore": è lo slogan che i critici dell'Unione sbandierano da alcuni anni per mettere sotto accusa una politica europea ritenuta troppo rigida, soprattutto in campo finanziario e monetario. Se, indubbiamente, il rigore nei conti pubblico, la lotta all'inflazione e la ricerca del pareggio di bilancio, hanno informato molte scelte delle istituzioni europee, l'Ue sta cercando di mettere in campo anche misure per favorire la crescita e il rilancio dell'economia. Due, in particolare, le principali operazioni strategiche avviate di recente in questa direzione: il cosiddetto piano Juncker e il Quantitave Easing. Il piano battezzato con il nome del presidente della Commissione europea, lanciato lo scorso gennaio, dispone uno stanziamento di 21 miliardi di euro con l'obiettivo, grazie ad un effetto volano, di mobilitare investimenti fino a 315 miliardi. L'"Alleggerimento quantitativo", varato dalla Bce, invece, consiste nell'immettere liquidità nel sistema bancario, a colpi di 60 miliardi al mese fino all'autunno del 2016, affinchè poi le banche nazionali e i singoli istituti di credito, a loro volta, destinino queste risorse a imprese e famiglie. Quali prospettive concrete possono accompagnare questi provvedimenti? Cosa deve succedere perchè possano ottenere gli effetti sperati?  A queste ed altre domande, cercheremo di rispondere, con l'aiuto del professor Piercarlo Valtorta, nella puntata odierna de "L'Europa incontra il Veneto", il nostro spazio di affrofondimento dedicato all'Unione europea, in collaborazione con il gruppo dell'Europarlamento Efdd - Europa della libertà e della democrazia diretta.