Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ricoverata presso casa riposo di Monastier

INDAGINE ULSS, TUTTI ASSOLTI

Anziana in condizioni pietose, nessuno paga


TREVISO - (ls) Tutti assolti: assistenti sociali, medici di base e ospedalieri. Si è conclusa l'indagine interna dell'Usl 9, voluta dal direttore generale Claudio Dario per stabilire eventuali responsabilità in una vicenda che ha colpito l'opinione pubblica e suscitato un vespaio di polemiche: ovvero l'anziana signora di Quinto, giunta alla fine di marzo in una struttura dell'Israa in condizioni pietose, con la testa infestata di parassiti, le unghie dei piedi ritorte e piene di pus. Ad occuparsi del caso una commissione costituita - fra gli altri – dal direttore sanitario Faronato, sociale Favaretto e ospedaliero Tessarin. Secondo le testimonianze degli operatori Israa, confermate dal presidente Fausto Favaro, l'anziana donna si trovava in condizioni igieniche terribili, con vermi e insetti nei capelli, attorcigliati attorno a mollette arrugginite. Affetta da demenza senile, non si lavava e rifiutava ogni contatto fisico. Ritrosia che, secondo la commissione, aveva arenato i precedenti tentativi di approccio. Ciò non giustifica ma spiega, secondo l'Usl 9. Nella relazione si parla di mancanza di globalità, coordinamento e comunicazione. In sostanza quindi nessuno, se non l'anziana è colpevole del suo degrado.