Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Stretta collaborazione con la Gdf di Treviso

UNA LEGGE ANTI-LABORATORI

Mario Pozza, Confartigianato, lancia proposta


TREVISO - (nc) Una legge contro il proliferare dei laboratori cinesi che nascono, muoiono e risorgono spesso senza versare i contributi fiscali e previdenziali che vengono largamente evasi. A lanciare la proposta è il presidente di Confartigianato Marca Trevigiana, Mario Pozza che sottopone al mondo politico la sua istanza che è la seguente: “quando si apre una partita Iva bisogna obbligare l'imprenditore al versamento di una fidejussione che garantisca il pagamento della previdenza”. Il danno della concorrenza sleale provocato da questo fenomeno ha risvolti sempre più drammatici per il tessuto economico trevigiano ma a detta del comandante della Guardia di Finanza, Claudio Pascucci, i laboratori cinesi sono divenuti ormai praticamente impunibili penalmente. Le fiamme gialle trevigiane che avvieranno con Confartigianato una collaborazione per lo scambio di informazioni soprattutto per quanto riguarda il settore tessile, sottolineano anche come i grandi marchi formulano nei confronti dei contoterzisti, contratti inattaccabili che non permettono di risalire la filiera. Dal canto suo il comandante della Guardia di Finanza ha anche lanciato l'allarme per quanto riguarda le infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore tessile con spostamenti di capitali delle ditte cinesi che ricevono e muovono denaro da e per la Cina attraverso i money transfer. “Le rimesse verso l'estero sono altissime -dice Pascucci- è denaro che non viene investito né tassato qui nel nostro Paese”.

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica