Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bassorilievi rubati a Venafro (IS) ritrovati dalla Gdf

TRAFFICO DI OPERE D'ARTE

Denunciato per ricettazione un antiquario trevigiano


FIRENZE – (gp) Erano stati venduti a un cittadino belga da un antiquario trevigiano nel 1988, ma quei bassorilievi in marmo dell'XIII secolo raffiguranti “L'Annunciazione” oltre a essere un vero pezzo raro per i collezionisti di mezzo mondo erano di provenienza illecita: le opere d'arte erano infatti state rubate il 29 gennaio del 1987 dalla chiesa della Santissima Annunziata di Venafro (nella foto), in provincia di Isernia. Gli uomini del reparto specializzato delle Fiamme Gialle hanno rinvenuto i bassorilievi, dopo anni di indagini, in Belgio, custoditi nella casa dell'acquirente a Mechelen. L'uomo, interrogato dagli inquirenti, ha spiegato come fosse venuto in possesso delle opere d'arte. Grazie alla sua ricostruzione dei fatti è scattata la denuncia per ricettazione a carico suo e dell'antiquario trevigiano che gli ha venduto i bassorilievi, il cui valore è stimato attorno ai 100 mila euro. Le Fiamme Gialle hanno portato a termine con successo l'operazione monitorando il mercato delle opere d'arte e consultando diversi cataloghi relativi alle aste, in particolare una che si tenne a Londra il 12 aprile del 1990. In accordo con l'autorità giudiziaria, le opere sono state riportate in Italia.