Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Sindaci in "sciopero" per il taglio dei contributi

COMUNI CHIUSI, CONTRO CHI?

Fojadelli: "La Costituzione non si getta per comodo"


TREVISO – (gp) “La Costituzione non si può prendere e gettare a seconda che ci faccia o non ci faccia comodo”. E' ferma la posizione del procuratore capo della Repubblica di Treviso Antonio Fojadelli riguardo la protesta messa in atto da alcuni sindaci della Marca per il taglio dei fondi destinati ai loro comuni in base al patto di stabilità, protesta che si è tradotta nella chiusura per un giorno dei municipi. Il capo della Procura trevigiana si dice poi prudente nel configurare un'ipotesi di reato a carico dei primi cittadini che hanno aderito a questa forma di dissenso verso lo Stato, o il ministro delle finanze, o il governo, ma sottolinea come qualora ci fossero “forme che compromettono in concreto i diritti e le aspettative di una comunità e quindi con conseguenze gravi sotto il profilo dell'utenza” allora si profilerebbe la possibilità di aver commesso un illecito penalmente perseguibile che si tradurrebbe nell'interruzione di pubblico servizio. Ai nostri microfoni le parole del procuratore capo di Treviso Antonio Fojadelli.