Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato il 35enne marocchino Aly Laanaya

TAXISTA DELLE LUCCIOLE, 2 ANNI

Portava in furgone lungo il Terraglio sette ragazze


TREVISO – (gp) Era finito alla sbarra con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione e il collegio dei giudici del tribunale di Treviso lo ha condannato a due anni e due mesi di reclusione. E' questa le pena inflitta ad Aly Laanaya, 35enne marocchino residente a Giavera del Montello. L'uomo era finito in manette il 3 agosto del 2009 dopo essere stato sorpreso, in seguito a diversi appostamenti delle forze dell'ordine, a trasportare sette prostitute nei luoghi dove dovevano esercitare la professione a bordo del suo furgone. Una sorta di tassista delle lucciole che si prostituivano lungo il Terraglio tra Treviso e Venezia. Gli inquirenti hanno infatti accertato che l'uomo le andava a prendere nell'albergo dove risiedevano e poi le portava sulla strada. Incastrato, si è difeso dicendo che si era innamorato di una di loro e quello era l'unico modo per controllare che non le succedesse nulla di male.