Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 42enne Nedeljko Knez a processo per furto

ALLA SBARRA GRAZIE AL DNA

Rub˛ 16.500 euro all'Idea shop di Montebelluna


TREVISO – (gp) A fine 2008 si era reso protagonista di un mega furto nel negozio “Idea shop”di Montebelluna che gli aveva fruttato un bottino di 16.500 euro. Nel forzare la porta d'ingresso però il 42enne montebellunese d'adozione Nedeljko Knez si ferì a una mano lasciando tracce di sangue sparse nell'esercizio commerciale. Pensava di farla franca visto che, da incensurato, non risultava nelle banche dati degli inquirenti, ma il suo profilo genetico venne comunque registrato in attesa di un suo passo falso, che prontamente arrivò qualche mese più tardi. L'uomo infatti si ritrovò coinvolto in un'altra inchiesta, sempre per furto, e gli investigatori riuscirono così a dare un volto e un nome al ladro del negozio di Montebelluna. Il processo a suo carico è stato rinviato a settembre e l'uomo, incastrato dal dna, si sta già preparando a ricevere una sonora condanna.