Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 42enne Nedeljko Knez a processo per furto

ALLA SBARRA GRAZIE AL DNA

Rubò 16.500 euro all'Idea shop di Montebelluna


TREVISO – (gp) A fine 2008 si era reso protagonista di un mega furto nel negozio “Idea shop”di Montebelluna che gli aveva fruttato un bottino di 16.500 euro. Nel forzare la porta d'ingresso però il 42enne montebellunese d'adozione Nedeljko Knez si ferì a una mano lasciando tracce di sangue sparse nell'esercizio commerciale. Pensava di farla franca visto che, da incensurato, non risultava nelle banche dati degli inquirenti, ma il suo profilo genetico venne comunque registrato in attesa di un suo passo falso, che prontamente arrivò qualche mese più tardi. L'uomo infatti si ritrovò coinvolto in un'altra inchiesta, sempre per furto, e gli investigatori riuscirono così a dare un volto e un nome al ladro del negozio di Montebelluna. Il processo a suo carico è stato rinviato a settembre e l'uomo, incastrato dal dna, si sta già preparando a ricevere una sonora condanna.