Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte Costituzionale fa tremare Trevisoservizi

INAPPLICABILE L'IVA SUI RIFIUTI

Causa pilota a Treviso: ipotizzabile una class action


TREVISO – (gp) Treviso capofila nella lotta per il rimborso dell'Iva sulla tassa dei rifiuti. Risiede nella Marca infatti la “causa pilota” per la restituzione dell'imposta del 10%, di fatto non dovuta ma pagata dai cittadini e mai rimborsata da Trevisoservizi. Una causa pilota che, come ha confermato il coordinatore dei giudici di pace di Treviso Valerio Chiozzi, potrebbe anche tramutarsi in una vera e propria class action, dopo aver valutato la legittimità del ricorso, che al costo di 33 euro a cittadino potrebbe far sborsare alla società trevigiana qualche milione di euro. A supporto del ricorso presentato dal cittadino trevigiano, c'è la sentenza numero 238 del 2009 in cui la Corte Costituzionale aveva sancito la natura tributaria sia della TARSU (la vecchia “tassa rifiuti”) che della TIA (la “tariffa” attualmente pagata a Treviso): trattandosi di tasse, ha detto la Corte Costituzionale, è inapplicabile su di esse l’IVA al 10%. Finora Trevisoservizi ha sempre rifiutato di rimborsare l’IVA agli utenti che l’hanno pagata e ha continuato ad applicarla anche alle bollette successive, comprese quelle che stanno arrivando a casa dei trevigiani in questi giorni, relative al 2011. A fronte delle sentenze favorevoli ai contribuenti che hanno richiesto il rimborso, sentenze emesse sia dal Giudice di Pace di Venezia che, più di recente, dalla Commissione Tributaria di Treviso, il cittadino trevigiano ha deciso di ricorrere al Giudice di Pace di Treviso per ottenere la restituzione dell’IVA indebitamente pagata sulla TIA, che per ogni famiglia trevigiana si aggira tra i 100 e i 200 euro.