Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A vuoto il recupero crediti per il crac milionario

MYAIR, CREDITORI ALL'ASCIUTTO

Nulla di fatto all'udienza di esecuzione immobiliare


TREVISO – (gp) Sembrano ridotte al lumicino le speranze dei creditori del crac della compagnia aerea low cost MyAir di ottenere una garanzia a fronte del buco milionario della società. Il tentativo di recuperare beni e denaro sta infatti andando a vuoto visto che, all'udienza di esecuzione mobiliare di fronte al giudice trevigiano Marica Loschi, la compagnia aerea ha preso atto dell'impossibilità di agire nei confronti del commercialista 46enne Luigi Pompanin Dimai, titolare di uno studio in viale della Repubblica. L'udienza sarebbe servita proprio per dare il via libera al sequestro e al successivo pignoramento di depositi e titoli riferibili al commercialista, che però non risulta averne nessuno in possesso. Stesso discorso anche per il procedimento nei confronti di un altro dirigente della MyAir, Edgardo Badiali. I creditori sembrano dunque dover rinunciare a quei 120 milioni di euro stabiliti dal giudice a titolo di sequestro conservativo a carico dei due indagati nell'inchiesta della Procura di Vicenza.