Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Coppia di romeni patteggia un anno e 300 euro

I "VAMPIRI" TORNANO LIBERI

Serbatoi delle auto svuotati a Gorgo al Monticano


GORGO AL MONTICANO – (gp) I vampiri del gasolio patteggiano un anno di reclusione e 300 euro di multa, con sospensione condizionale della pena, e tornano subito liberi. Si tratta del 34enne Marius Ivan Dan e della 24enne Mihaela Sandu, entrambi romeni. La coppia era stata beccata dai carabinieri nella notte tra domenica e lunedì a Gorgo al Monticano all'altezza del condominio al civico 100 di via Postumia. Alcuni residenti avevano segnalato la presenza di due persone sospette che armeggiavano di fianco a un'auto in sosta nel parcheggio. I militari giunti sul posto li avevano sorpresi all'interno di una Fiat Brava con un trapano a batteria e alcune taniche, due riposte nel bagagliaio dell'auto e una terza sul posto, contenenti in totale un centinaio di litri di gasolio. Tramite un foro effettuato con il trapano sul tappo del serbatoio di benzina e una gomma, erano infatti riusciti ad aspirare la benzina lasciando letteralmente a secco i mezzi. I due erano stati così accompagnati in caserma e arrestati per furto aggravato in concorso. Processati per direttissima se la sono cavata, in quanto incensurati, con un patteggiamento della pena e l'immediata libertà. L'ipotesi, al vaglio delle forze dell'ordine è che non si sia trattato di un caso isolato. Negli ultimi tempi, infatti, nell'opitergino sono stati segnalati diversi casi: da ultimo quello nel parcheggio dell'ospedale civile di Oderzo dove era stata presa di mira l'automobile di un infermiere dell'Ulss. Anche mezzi parcheggiati nei cantieri edili e stradali oltre alle automobili, sarebbero finite nel mirino nell'area di San Polo e Motta di Livenza per recuperare gasolio forse da rivendere.