Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le polemiche dopo l'adunata delle penne nere

"NESSUN NIET AI CANTI ALPINI"

Per la diocesi "Signore delle cime" si poteva suonare


TREVISO - “Una sterile polemica senza ragioni”. Così la diocesi di Treviso liquida il caso dei canti alpini “vietati” durante la messa di domenica scorsa, in occasione del 90° anniversario di fondazione della sezione Alpini di Treviso. Ad alimentare le critiche era stato il prosindaco, nonché fervente penna nera, Giancarlo Gentilini: lo “sceriffo” aveva criticato il vescovo per non aver permesso di cantare in Duomo “Signore delle cime” e suonare l'attenti con la tromba. Nessun divieto, replicano dalla curia: i canti eseguiti dal coro Ana di Oderzo, che ha animato la celebrazione, erano quelli proposti nei giorni precedenti dallo stesso maestro della corale. Il parroco della Cattedrale, don Giorgio Marcuzzo, si è semplicemente limitato ad approvare il programma. Nessuna esplicita richiesta, ribadiscono dalla diocesi, è stata avanzata per “Signore delle Cime”: l'esecuzione sarebbe stata concessa senza problemi alla fine della messa. Ed anche per l'attenti suonato con la tromba, fa sapere il parroco, era stata data disponibilità, come fatto con altre associazioni d'arma, ma sono stati gli alpini stessi a non dar seguito alla domanda.