Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Veneto Stato: "Questione etica, così si finanziano gli sprechi"

BTP, AI TREVIGIANI NON PIACCIONO

Ordini inferiori alle attese al Credito Trevigiano, bcc di Vedelago


TREVISO - Btp day sottotono: i trevigiani non sembrano troppo attirati dai titoli del debito pubblico. Almeno i clienti delle banche di credito cooperativo locali: al Credito Trevigiano, una delle maggiori bcc della Marca, ad esempio, la giornata di vendita di buoni del tesoro poliennali si è chiusa ben al di sotto delle aspettative: 52 ordini. Nemmeno gli alti rendimenti del periodo e l'assenza di commissioni prevista proprio per l'occasione, hanno fatto superare al piccolo risparmiatore la sfiducia verso il sistema pubblico nazionale. Chi di certo non è corso a comprare Btp sono i militanti di Veneto Stato: oltre ai rischi legati alla speculazione, secondo il movimento indipendentista questo tipo di investimenti finisce solo per perpetuare sprechi e malgoverno dello stato centrale. Positivi invece i riscontri per le banche nazionali: sia Unicredit che Intesa San Paolo, comunicano acquisiti nettamente superiori alle medie delle scorse settimane. Intanto Alessandro Vardanega, presidente di Unindustria Treviso, proprio nel giorno dei Btp lancia una proposta: "Pagare una paarte del compenso dei parlamentari in titoli di Stato".

Ai nostri microfoni, il presidente del Credito Trevigiano, Nicola Di Santo e Gianluca Panto, esponente di Veneto Stato.