Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

20enne ivoriana sequestrata e violentata da due fantomatici bruti

STUDENTESSA INVENTA RAPIMENTO E STUPRO, DENUNCIATA PER PROCURATO ALLARME

Paese, domenica era stata trovata a terra da alcuni passanti


PAESE - Per non essere rimproverata dai genitori ha inventato e denunciato ai carabinieri una violenza sessuale: sarà a sua volta segnalata alla Procura per procurato allarme e simulazione di reato una studentessa 20enne ivoriana, residente a Carbonera. La ragazza era stata rintracciata da alcuni passanti domenica sera lungo via Mascagni, al confine tra Paese e Quinto di Treviso: era riversa a terra, semisvenuta e ferita al capo. Quando i medici del Suem118 sono arrivati sul posto la giovane ha raccontato di quel presunto stupro. La 20enne era stata adescata il giorno prima nei pressi della stazione da due malviventi di carnagione chiara, che hanno caricato in auto la ragazza e ne hanno iin seguito abusato. Quando è stata rintracciata, la giovane ha riferito di essere appena stata scaricata dall'auto dei due fantomatici violentatori. L'indagine dei carabinieri, con le pesantissime ipotesi di reato di violenza sessuale, lesioni e sequestro di persona, hanno quasi subito portato alla verità: quel racconto era una frottola. I test medici hanno escluso la violenza e la ragazza si era ferita cadendo a terra, da sola. Messa alle strette, la 20enne ha poi ammesso le sue responsabilità: era stata il giorno precedente a Padova per trovare un amico, lì si era fermata a dormire in stazione e l'indomani era tornata nella Marca, scendendo alla stazione di Paese perchè - a suo dire - non aveva denaro con sè. Qui, aveva deciso di dirigersi a piedi fino a casa: stremata dallo sforzo e dal non aver mangiato è poi svenuta a terra.