Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula i video del parcheggio dell'ex Geografic la sera prima del delitto

OMICIDIO DAVID: NEI FILMATI GENNARO GEREMIA NON SI VEDE

Per l'accusa sarebbe il luogo d'incontro tra Ivan Marin e l'imputato


TREVISO – (gp) Si concluderà il prossimo 17 aprile il processo a carico di Gennaro Geremia, il 48enne di Visnà di Vazzola accusato di essere il secondo autore materiale del delitto di Eliseo David, il pensionato di 72 anni narcotizzato e ucciso nella sua casa di via delle Acacie a Campolongo di Conegliano la notte tra il 15 e il 16 settembre 2010. In aula l'imputato, chiamato a rispondere di omicidio volontario premeditato, e la Corte d'Assise hanno potuto visionare i filmati delle telecamere di sorveglianza che riprendono il parcheggio dell'ex Geografic, il locale posto proprio di fronte all'abitazione teatro del delitto. In mano ai due giudici togati e ai sei popolari già ci sono i frame registrati il giorno dell'omicidio, ma la difesa voleva acquisire e mettere agli atti quelli della sera prima. Secondo il racconto del reoconfesso Ivan Marin, il 37enne di Vazzola autore materiale dell'assassinio condannato a 16 anni di carcere e colui che ha accusato Geremia di averlo aiutato, la sera antecedente l'omicidio lui e l'imputato si sarebbero incontrati proprio in quel parcheggio per commettere il delitto, ma il passaggio di un'ambulanza nelle vicinanze li aveva fatti desistere per paura di essere scoperti. Dai frame si distinguono due autovetture che si fermano nel parcheggio ma non si distingue nessuna persona. Allo stesso modo, nel punto in cui la sera dell'omicidio si sarebbero dovuti trovare Marin e Geremia secondo l'accusa, la sera prima si vedono parcheggiati un'auto e un furgone. Per la difesa nessuno dei due mezzi può essere riconducibile a Geremia e dunque il racconto di Marin potrebbe essere smentito dai filmati. Almeno questo è quello su cui puntano gli avvocati Fabio Crea e Giuseppe Gulli per provare come la chiamata in correità di Geremia, che al momento sembrerebbe l'unica “prova” in mano all'accusa per portare l'imputato verso la condanna, possa venire messa in discussione screditando la versione fornita agli inquirenti da Ivan Marin.