Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

SarÓ l'alfiere dei bossiani della "vecchia guardia"

LEGA, SPUNTA UN SECONDO CANDIDATO: ╚ DIMITRI COIN

Per la segreteria sarÓ corsa a due con Giorgio Granello


TREVISO - Sarà sfida a due per la guida della Lega trevigiana. Al congresso in programma domenica prossima, spunta un altro nome in corsa per la segreteria provinciale: è Dimitri Coin, 42enne, imprenditore nel settore agro-vivaistrico e nel settore immobiliare, consigliere di amministrazione di Ascopiave e componente del comitato esecutivo dell'ente Parco del Sile. Quando ormai Giorgio Granello sembrava dover essere il candidato unico ed unitario, si va verso una contrapposizione: Coin dovrà essere l'alfiere della "vecchia guardia" del movimento, quella più vicina ai fedelissimi di Umberto Bossi, che non aveva troppo ben digerito la defenestrazione del segretario provinciale uscente Gianantonio Da Re. Granello, che invece a questo punto rappresenterà l'anima del partito che si richiama a Roberto Maroni e che nella Marca ha tra i suoi esponenti di punta il presidente della Provincia Leonardo Muraro, pare al momento avere ancora un certo vantaggio di voti: al congresso si andrà alla conta.