Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La vice Da Ros: "Finora pochi andati via, ma il rischio c'è"

"NON FACCIAMO SCAPPARE GLI IMPRENDITORI"

Allarme del presidente di Unindustria sul rischio "fuga"


TREVISO - Il rischio fuga delle imprese trevigiane esiste. Soprattutto se il paese non saprà creare un contesto più favorevole, riguardo a burocrazia, incertezza normativa, pressione fiscale. Sempre più aziende guardano all'estero, anche a paesi vicini, come Austria, Slovenia, Serbia, dove il costo del lavoro non è molto più basso, ma l'efficienza del sistema è ben superiore: al momento, spiega Alessandro Vardanega, presidente di Unindustria Treviso, si punta al rafforzamento di reti commerciali, ma se le cose non cambiano in fretta, potrebbe esserci un trasferimento anche di attività produttive. Katia Da Ros, vicepresidente di Unindustria con delega all'internazionalizzazione, però, non è troppo preoccupata dalla partecipazione massiccia, oltre 400 presenti, ad un incontro sulle opportunità di investimento in Carinzia. “Si dovrebbe peraltro valutare quanti progetti di investimento – spiega - si siano poi effettivamente concretizzati una volta approfondite tutte le condizioni presenti nei diversi paesi”. Anche la numero due degli industriali, tuttavia, non nega la frustrazione, soprattutto delle piccole imprese: “O si fa qualcosa per la permanenza nel nostro territorio di queste imprese – dice Da Ros -, o si rischia che ci venga sottratta questa ‘materia prima’ che ancora oggi fatica a trovare attenzione favorevole da parte di alcune amministrazioni e di una parte significativa dell’opinione pubblica.