Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'iniziativa di Gente di Marca nella sua veste estiva

TORNA ARTERÌE: TREVISO AGLI ARTISTI!

Sabato 16 e domenica 17 giugno, arte e musica nelle osterie del centro


TREVISO - Torna la seconda edizione di Arterìe. Dopo il successo dell'autunno scorso,  l'associazione culturale Gente di Marca è pronta a riproporre l'originale format che coniuga “Arte e osterie”. L'inaugurazione dell'edizione estiva di Arterìe è prevista per venerdì 15 giugno, ore 19, con un brindisi fuori dalla sede dell'associazione organizzatrice, ma si entrerà nel vivo del programma nei pomeriggi di sabato 16 e domenica 17 giugno.

Un modo brioso di vivere la convivialità: attraverso il buon bere, ma anche stimolando l'estro artistico e musicale del pubblico. 15 giovani artisti, di provenienza anche internazionale, sono stati chiamati a produrre un'opera dal tema “La città che vive”, attraverso la loro forma di espressione, sia essa pittura, scultura, fotografia, arte tessile.

A ognuno di loro verrà assegnata un'attività commerciale, il cui spazio esterno fungerà da "atélier" personale: qui, sotto gli occhi del pubblico, dovranno produrre in due giorni un'opera d'arte e ultimarla entro la sera di domenica per sottoporsi al verdetto di una giuria, che indicherà il lavoro capace di esprimere meglio “La città che vive”.

In questo weekend di Arterìe ci sarà anche tanta musica che animerà le piazze della città, ma in fondo i protagonisti sono proprio gli artisti: in ogni locale che ospiterà Arterìe verrà steso un simbolico tappeto rosso che segnerà la postazione dell'ospite creativo.

Un simbolo di prestigio, “per enfatizzare non solo l'arte, ma la figura dell'artista stesso” ha sottolineato l'ideatore Luca Dotto durante la conferenza di presentazione.

I 15 partecipanti sono stati selezionati grazie all'occhio competente della galleria d'arte “Spazio Bevacqua Panigai” di Treviso. E oltre ai 15 artisti emergenti che competeranno in questa due giorni di Arterìe, la galleria propone anche un “suo” istrionico artista, Enzo Comin, che nella serata di sabato interverrà con una performance, dal titolo “L'ultima cena”, proprio per riprendere il tema della convivialità: in realtà Comin impersonerà la figura di Gesù e, con una corona di spine in testa - ma in abiti normali -, l'artista si aggirerà per il centro storico cercando di cogliere le reazioni della gente, che verranno immortalate dalla macchina fotografica di un suo assistente e documentate in un'opera successiva. Un'azione che lui fa con il massimo rispetto per la figura di Cristo, ma che non non vuole confondersi con un messaggio di proselitismo. “La provocazione sta nel vedere Gesù fuori dal perimetro delle cerimonie religiose, sta nel portarlo in mezzo alla Gente”.

 

Per maggiori informazioni www.gentedimarca.com